Home / Salute / Alimentazione / Alimentazione: la frutta migliore per la dieta dimagrante

Alimentazione: la frutta migliore per la dieta dimagrante

frutta migliore nella dieta

Spesso relegata alla fine di un pasto o ignorata del tutto, la frutta è invece un elemento a cui attribuire grande importanza nell’alimentazione quotidiana. Ricca di antiossidanti, fibre e vitamine, la frutta protegge le cellule dall’azione dei radicali liberi e aiuta l’organismo a rimanere giovane e vitale. Chi vuole perdere peso o mantenere il peso forma, troverà nei frutti, sia freschi che secchi, dei validi alleati grazie all’alto potere saziante dato dalle fibre. Ma qual è la frutta migliore per la dieta dimagrante? La risposta è molto semplice: tutta, a patto di privilegiare la frutta di stagione, possibilmente locale e biologica, e consumare anche frutta secca in quantità ridotte ogni giorno come spuntino. Noci, mandorle e nocciole, spesso demonizzate ingiustamente nei regimi ipocalorici, sono in realtà ottime per contrastare la fame nervosa che porta a consumare cibo spazzatura, ben più deleterio per la linea. I grassi buoni, come quelli contenuti nelle noci, fanno bene al cuore e accelerano il metabolismo. Una manciata di mandorle per merenda farà arrivare meno affamati all’ora di cena e proteggerà la salute del cuore. L’essenziale, con la frutta secca, è non esagerare. Basta un pugno di mandorle o qualche noce per assumere la giusta quantità di calorie dalla frutta secca, senza minare la dieta dimagrante.

Per inserire la frutta nella dieta di ogni giorno, utilizzatela nei due spuntini raccomandati nei regimi dimagranti: un frutto a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Inoltre, a colazione mangiate un frutto fresco, magari accompagnato a dello yogurt, o una manciata di frutta secca per fare il pieno di energia e di fibre. La frutta ad alto contenuto di carboidrati, come le banane, le pere, i kiwi, le prugne, il mango, l’uva e i fichi, sono l’ideale al mattino per colazione. Dopo il digiuno notturno, infatti, questi frutti, ricchi di zuccheri naturali, ci danno subito la giusta carica per ripartire e rimettere in moto l’organismo.

I frutti a basso contenuto di carboidrati, come il melone, l’anguria, le pesche, le mele e la papaya, sono l’ideale nelle diete disintossicanti perché aiutano l’organismo a eliminare le tossine in eccesso, grazie all’alto apporto di acqua. Consumandoli abitualmente, il metabolismo accelera e di conseguenza anche la perdita di peso è più rapida. Ottimi per dimagrire sono anche gli agrumi e le bacche. Dal pompelmo ai frutti di bosco, questi frutti depurano l’organismo e purificano il sangue, aiutando a migliorare la digestione e contrastando il colesterolo cattivo.

Ricordate sempre che una dieta sana è fatta di scelte e di alternative non di aggiunte. Se a merenda consumate una mela insieme alla solita merendina confezionata non otterrete alcun beneficio. Né consumare delle noci dopo un pranzo ipercalorico a base di pasta e pane bianco sarà utile a dimagrire. La frutta va inserita in un regime bilanciato e consumata senza eccessi, variando spesso in base alle stagioni. La frutta fresca ha mediamente 50 calorie ogni 100 grammi. Si va dalle fragole che ne hanno appena 30 ai mandarini che apportano 44 calorie ogni 100 grammi. Per aiutarvi a fare la spesa per la dieta dimagrante ecco una pratica lista.

Fonte: Newsmax
Foto: Flickr

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

frutta secca nella dieta

Come inserire la frutta secca nella dieta senza ingrassare

La frutta secca nella dieta ha tanti benefici e non fa ingrassare, a patto di rispettare questi semplici consigli per tagliare le calorie.

2 commenti

  1. Alessandro Gandini

    Perfettamente d’accordo con l’articolo, in particolare con il fatto che la frutta secca è sicuramente importante anche e soprattutto in una dieta dimagrante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.