Home / Ambiente / Inquinamento / L’inquinamento domestico è più pericoloso di quello esterno

L’inquinamento domestico è più pericoloso di quello esterno

inquinamento domestico

Se abitate in città e preferite tenere in casa i vostri figli perché all’esterno l’aria è inquinata, forse non avete fatto una buona scelta. Una recente ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista The Lancet Respiratory Medicine journal, ha dimostrato come in molti casi l’inquinamento domestico, quello indoor presente tra le pareti di casa, sia più pericoloso di quello esterno. Si tratta non di casi isolati o estremi, ma praticamente della regola visto che l’inquinamento domestico metterebbe in pericolo circa 3 miliardi di persone in tutto il mondo.

A rischiare maggiormente sono quei Paesi, soprattutto africani e asiatici, nei quali si utilizzano carbone o legna per riscaldare la casa, cucinare e persino illuminare l’ambiente. Nelle nostre case, almeno in quelle più moderne, oggi è più raro trovare situazioni simili, ma non dimentichiamoci che il riscaldamento tramite il caminetto o una stufa rientra nella casistica. I ricercatori della Liverpool School of Tropical Medicine e quelli della Ohio State University spiegano che il fumo e la sporcizia emessi dai combustibili fossili, uniti a case poco ventilate (come ad esempio accade d’inverno quando teniamo le finestre chiuse) fanno raggiungere livelli molto elevati di inquinamento tra le mura di casa.

Addirittura nelle case in cui si usano i fossili non solo per il riscaldamento, ma anche ad esempio per cucinare, l’inquinamento domestico risulta essere di 3 volte superiore a città fortemente inquinate come Londra. Le famiglie a rischio in tutto il mondo, secondo la stima dei ricercatori, vanno dalle 600 alle 800 milioni, con tassi di circa 3-4 milioni di morti l’anno, ed i rischi principali sono di contrarre infezioni delle vie respiratorie, polmonite, broncopolmonite, asma e cancro ai polmoni.

Anche se un certo numero di tecnologie di cottura pulite come fornelli avanzati, GPL o sistemi di energia solare esistono e riforniscono le case che usano metodi più puliti per cucinare, riscaldare e illuminare, non sarà una soluzione a lungo termine. Nelle comunità in cui i metodi di cottura combustibile solida sono attualmente la norma, metodi di carburante e di cottura più puliti devono essere almeno altrettanto convenienti, efficienti e di lunga durata come i metodi tradizionali che vanno a sostituire. Le diverse culture devono anche essere informate sui metodi utilizzati perché se le famiglie adottano solo in parte metodi di cottura più puliti, il loro utilizzo, accanto a tecnologie più inquinanti, può essere un fallimento e non portare a nessuna riduzione delle persone attualmente a rischio [di morte] a causa dell’inquinamento dell’aria domestica

ha spiegato il professor Stephen Gordon che ha condotto la ricerca.

Foto: Freeimages

Potrebbe interessarti anche:

città più inquinate al mondo

Le città più inquinate al mondo nel 2015 sono in Asia

Clamorosamente le città più inquinate sono in Asia...ma non in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.