Home / Attualità / Cronaca / Aereo abbattuto in Ucraina, la colpa è dei filorussi?

Aereo abbattuto in Ucraina, la colpa è dei filorussi?

aereo malese abbattuto

Un fatto gravissimo è accaduto ieri pomeriggio, alle 15:15 ora italiana, nei cieli al confine tra Ucraina e Russia. Un aereo civile con a bordo quasi 300 persone è stato abbattuto da un missile. Se ci trovassimo in clima di guerra fredda probabilmente sarebbe stato sufficiente a far scoppiare la Terza Guerra Mondiale, per fortuna non lo siamo, ma la situazione è molto tesa ugualmente.

L’aereo era un Boeing 777 che trasportava dei civili, per la maggior parte olandesi, della compagnia Malaesya Airlines, la stessa dell’aereo scomparso qualche mese fa nelle acque dell’oceano Indiano. L’aereo era partito poche ore prima da Amsterdam ed era diretto a Kuala Lumpur. Chiaramente i passeggeri erano solo dei civili che partivano per le vacanze, di certo non spie o militari coinvolti nella guerra tra Ucraina e Russia che oggi l’Europa tenta di  ignorare.

Molti i dubbi sull’incidente, ma una certezza c’è: è stato colpito per errore. Da settimane infatti i velivoli militari ucraini e russi, che volavano a quote decisamente più basse di quelle del Boeing, venivano regolarmente abbattuti da una o dall’altra fazione. Questo aereo dev’essere stato scambiato per un aereo nemico ed è perciò stato abbattuto. Ma da chi?

La risposta a questa domanda potrebbe arrivare, si spera, dalle scatole nere recuperate questa notte. Le scatole nere potranno ad esempio dire a che altezza il velivolo stesse viaggiando in quanto, se davvero com’era secondo i piani l’aereo volava a 10 mila metri d’altezza, i ribelli filorussi affermano di non avere armi sufficienti a raggiungere quell’altitudine. Gli ucraini invece sì, ma loro affermano che un deposito di armi era stato svaligiato proprio pochi giorni fa e probabilmente un lanciarazzi così potente potrebbe essere finito nelle mani dei ribelli.

Alcune ricostruzioni giornalistiche parlano anche di una telefonata intercettata tra ribelli filorussi nella quale veniva detto esplicitamente che erano stati loro ad abbattere l’aereo, ma nel frattempo Putin e il suo ministro degli Esteri si sono affrettati a precisare che loro non c’entrano nulla. Dalle ultime notizie pare esista addirittura un video di uno dei comandanti delle milizie filorusse, Igor Girkin, che mentre riprende il fumo proveniente dall’aereo “esulta” per la sua impresa di essere riuscito ad abbatterlo. I russi affermano che l’aereo in questione sarebbe un altro, un caccia militare ucraino.

Il gioco del rimpallo delle responsabilità come sempre è cominciato: i russi affermano che sono stati gli ucraini che volevano abbattere l’aereo di Putin che sarebbe passato non molto distante da lì, e abbiano sbagliato obiettivo; gli ucraini affermano che sono stati i filorussi perché loro non stanno nemmeno usando la contraerea in questa fase perché i loro avversari nemmeno li stanno usando gli aerei. Quel che è certo è che ci sono 298 morti vittime di una guerra a loro estranea, 154 erano olandesi, 27 australiani, 23 malesi, 23 americani, 11 indonesiani, 9 britannici, 4 francesi 4 tedeschi, 4 belgi, 3 filippini ed un canadese, mentre per 35 persone ancora la nazionalità non è stata resa nota.

Potrebbe interessarti anche:

libertà di stampa 2016

Libertà di stampa 2016: l’Italia perde altre quattro posizioni

La libertà di stampa in Italia sta diventando sempre più un optional, perse altre 4 posizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.