Home / Attualità / Auto / RC Auto: in Europa costa in media 250 euro, la metà dell’Italia

RC Auto: in Europa costa in media 250 euro, la metà dell’Italia

costo assicurazione

Quanto pagate per l’assicurazione della vostra auto? Se il prezzo annuale supera i 250 euro, vuol dire che state pagando troppo. Non che la compagnia assicuratrice vi stia truffando, è solo che rispetto ad un automobilista di qualsiasi altro Paese europeo il prezzo è molto più alto. È quanto deriva dall’ultima ricerca dell’Ivass, l’istituto che vigila sulle assicurazioni italiane, il quale le ha confrontate con quelle del resto d’Europa.

La scoperta che in Italia la RC Auto è troppo elevata non è stata sorprendente, sappiamo da anni che abbiamo le assicurazioni più alte d’Europa. Ma adesso abbiamo anche le cifre. Secondo gli ultimi dati infatti appena il 5% degli assicurati italiani paga quanto pagano all’estero, ovvero circa 250 euro l’anno. Tutti gli altri pagano di più o molto di più. La stragrande maggioranza degli assicurati italiani infatti ha un premio di circa il doppio della media europea. E la bella notizia è che è pure diminuito rispetto allo scorso anno.

Come ciò sia possibile è noto, l’Italia ha problemi annosi che non si riescono a risolvere come le truffe alle assicurazioni, tasse troppo elevate e burocrazia che fa lievitare i costi. Ma non è tutto qui. Secondo Salvatore Rossi dell’Ivass, uno dei motivi che tengono alti i premi assicurativi è che il 70% degli assicurati italiani ha stipulato una polizza con una delle 5 compagnie di assicurazione principali. Un regime di oligopolio infatti non fa bene al mercato perché porta poche teste decisionali a fare cartello, volontariamente o involontariamente, facendo pagare tutti di più. Facendo un parallelismo, le 5 principali banche d’Italia detengono meno della metà dei correntisti del nostro Paese.

Come dicevamo, il prezzo è calato rispetto allo scorso anno quando si potevano toccare anche picchi di tre volte il prezzo della media europea, ma secondo le stime dell’Ivass, questo calo non è dovuto al fatto che le compagnie assicuratrici hanno abbassato le tariffe, ma solo perché la gente prende meno la macchina per colpa della crisi, e dunque ci sono meno incidenti (-30% negli ultimi 4 anni).

Foto: freeimages

Potrebbe interessarti anche:

libretto di circolazione

Libretto di circolazione: cosa fare in caso di furto o smarrimento?

Se il libretto non si legge più bene, è stato distrutto, perso o rubato va subito fatta la denuncia. E poi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.