Home / Attualità / Politica / Unioni civili gay: a settembre il disegno di legge

Unioni civili gay: a settembre il disegno di legge

unioni civili gay

Le unioni civili gay approdano anche in Italia. È la promessa di Matteo Renzi che ha annunciato l’approdo a settembre di una delle leggi più attese e certamente discusse. Riassumendo si può dire che si tratta di veri e propri matrimoni tra appartenenti allo stesso sesso perché concedono gli stessi identici diritti che acquisiscono oggi due eterosessuali che si sposano. Come sappiamo però, in un Paese in cui l’influenza della Chiesa è così forte come l’Italia, tutti si attendono le barricate, sia dentro che fuori dal Parlamento.

Ma cosa prevederà l’unione civile tra gay? In sostanza si tratta di trasferire i diritti del matrimonio da quello fondato sull’unione tra uomo e donna all’unione tra persone dello stesso sesso come già avviene oggi in Paesi come l’Inghilterra o la Germania. Nel dettaglio i due nuovi coniugi potranno avere la reversibilità della pensione, avere il diritto di assistenza in ospedale, diritti di successione per quanto riguarda l’eredità ed anche la possibilità di uno di adottare il figlio dell’altro partner.

Secondo la prima bozza che dovrebbe arrivare tra tre mesi in Parlamento, l’unico diritto non riconosciuto alle unioni civili gay sarà la possibilità di adottare figli non nati nella coppia. Ciò significa che se uno dei due aveva avuto un figlio da una relazione etero precedente (o l’aveva adottato), il figlio rimane nella coppia e può essere adottato dall’altro partner; se però nessuno dei due ha avuto in precedenza l’affidamento di un figlio, non ci potranno essere adozioni.

La legge che verrà presentata in Parlamento, spiega la senatrice PD Cirinnà, è “figlia” di due differenti testi che già stanno circolando in aula da settimane, e che sono stati uniti ed hanno prodotto questa bozza finale. Il testo non può fare distinzioni di sesso, e quindi varrà anche per le unioni civili tra eterosessuali, ma in formato limitato. Infatti per gli etero verranno riconosciuti solo alcuni diritti perché, nel caso in cui volessero vederli riconosciuti tutti, dovrebbero sposarsi.

Foto: freeimages

Potrebbe interessarti anche:

liberi e uguali

Liberi e Uguali: il programma per le elezioni 2018

Il lavoro è il principale punto del programma di Liberi e Uguali: i dettagli nella dichiarazione d'intenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.