Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Pulizie ecologiche ed economiche con l’aceto: una guida pratica

Pulizie ecologiche ed economiche con l’aceto: una guida pratica

pulizie ecologiche con l'aceto

Orientarsi tra i mille prodotti per la pulizia della casa in vendita nei supermercati è spesso una vera impresa. Tutti promettono risultati miracolosi senza fatica e anno dopo anno vengono messi in commercio detersivi sempre più specifici e aggressivi sulla pelle e sulle superfici. Se volessimo comprarli tutti, dovremmo avere una stanza intera per contenerli e ogni giorno verremmo in contatto con decine di sostanze potenzialmente pericolose e tossiche a breve e lungo termine.  Per non perdere tempo e denaro, possiamo invece ricorrere a tre semplici ingredienti naturali per pulire la casa in modo ecologico. Parliamo di aceto, bicarbonato di sodio e limone, tre alleati imbattibili per un’igiene duratura, economica e sicura.  In questa guida in tre puntate vi spiegheremo come usarli al meglio insieme o da soli.

Partiamo dall’aceto. L’aceto è un antibatterico naturale sicuro ed economico. In cucina possiamo usarlo per pulire le macchinette del caffè. Basta riempire una metà con acqua e l’altra con aceto, avviare fino a metà del ciclo completo, stoppare e lasciare agire la soluzione per un’ora, quindi completare il ciclo. Per sgorgare un lavandino, è sufficiente unire a mezza tazza di aceto, mezza tazza di bicarbonato di sodio e lasciar scorrere l’acqua per liberare lo scarico. Per pulire il forno a microonde, mettete una tazza di acqua e una tazza di aceto in una ciotola e accendete al massimo della potenza per 10 minuti. A questo punto, le incrostazioni e i pezzi di cibo rimasti nel forno verranno via con una spugnetta molto facilmente. In lavastoviglie l’aceto può essere utilizzato come brillantante, basta aggiungerne una tazza prima di avviare il programma.

In bagno l’aceto può essere utilizzato per prevenire la muffa. Basta spruzzarlo sulle pareti e sulla tenda della doccia. Per rimuovere il calcare dalla doccia, riempite una busta di plastica di aceto e lasciate agire la rubinetteria all’interno tutta la notte, prima di risciacquare.

In tutte le stanze della casa l’aceto può essere utilizzato per la pulizia dei vetri aggiungendone un cucchiaino in un quarto d’acqua. Spruzzate sulle superfici da pulire e asciugate come al solito. Lasciato agire 15 minuti sulle macchie di muffa, l’aceto le rimuove con facilità. Trascorso il tempo necessario, risciacquate e asciugate. Per rimuovere le macchie dai tappeti, dopo aver asciugato tutto il liquido in eccesso, spruzzate sulla macchia una soluzione composta per metà da acqua e per metà da aceto e lasciate riposare per due minuti, poi tamponate con un asciugamano. L’aceto è utile anche per rimuovere le etichette dalle superfici. Basta lasciarlo agire 10 minuti. Chi convive con animali domestici in casa può inoltre utilizzare l’aceto per minimizzare i cattivi odori del pelo. Questi sono solo alcuni degli usi dell’aceto per le pulizie di casa. Questo ingrediente è molto versatile, il suo odore intenso va via dopo pochi minuti e non inquina, potete impiegarlo senza rischi per pulire tutta la casa e qualsiasi superficie. Nel prossimo approfondimento ci occuperemo di pulizie ecologiche con il limone. Restate con noi!

Fonte: Earth911
Foto: Photl

Potrebbe interessarti anche:

smaltire rifiuti elettronici

Smaltire rifiuti elettronici: come funziona l’uno contro zero

Come cambia la legge da 1 contro 1 a uno contro zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.