Home / Salute / Mare o piscina, consigli per la massima sicurezza

Mare o piscina, consigli per la massima sicurezza

sicurezza in spiaggia

Se quest’estate andrete al mare o in piscina, sicuramente una delle preoccupazioni principali a cui dovreste pensare non riguarda soltanto l’aspetto fisico, ma anche la sicurezza. Stare tante ore stesi al sole mette a rischio la vostra pelle, ma questo non è l’unico pericolo che si presenta andando al mare o in piscina per diversi giorni. E quando di mezzo ci sono dei bambini, le misure di sicurezza dovrebbero essere ancora maggiori. Vediamo di seguito i consigli più comuni dei medici sul web.

Protezione solare: un oggetto che non può mai mancare nella vostra borsa del mare è sicuramente la crema solare. Ovunque andiate, basta essere esposti ai raggi del sole per averne bisogno. Quando la spalmate, non soffermatevi solo sulle spalle e la schiena, ma non dimenticate il naso, le orecchie, le labbra e persino i piedi. Non aspettate di farvi prima il bagno, mettetevi la protezione prima, magari scegliendo quella idrorepellente che poi nell’acqua non va via. L’ideale sarebbe applicarla 30 minuti prima di uscire di casa. Più è alto il numero sul flacone, più è elevata la protezione. Diffidate dalla cosiddetta “protezione totale” che non esiste. Ricordate infine, se passate tanto tempo in spiaggia, di riapplicarla ogni due ore.

Altri tipi di protezioni solari: la crema non è l’unica protezione solare possibile. È infatti consigliabile usare cappelli a tesa larga, parei, ombrelloni, occhiali da sole ed anche pantaloncini. Un altro aiuto può derivare dall’evitare di esporsi ai raggi più forti durante il giorno, ovvero quelli che vanno dalle 10 del mattino alle 4 del pomeriggio.

Tenere d’occhio i bambini: i bambini sono sempre in movimento, quindi anche se sembrano tranquilli mentre giocano sulla sabbia, in un attimo potrebbero finire in acqua. Assicurarsi che i giocattoli che hanno siano sicuri, ma al tempo stesso non perderli mai di vista!

Tra i consigli generici per una buona salute ci sono anche bere molta acqua (il calore fa sudare e la sudorazione eccessiva porta alla disidratazione), non bere alcool (aumenta la disidratazione), avere kit di pronto soccorso, ad esempio per le scottature, punture di insetto, ecc., portare degli snack salutari per i bambini come della frutta, barrette ai cereali e simili, e infine ricordate che la spiaggia è di tutti, quindi non lasciate in giro cartacce o oggetti che possono far del male alla fauna locale o ad altri bagnanti.

Fonte: Webmd
Foto: freeimages

Potrebbe interessarti anche:

stanchezza endometriosi

Endometriosi e stanchezza fisica: cosa c’è da sapere

L'endometriosi causa stanchezza fisica e un calo delle energie. Ecco come riconoscere e alleviare i sintomi dell'affaticamento da endometriosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.