Home / Salute / Combattere il caldo, il Ministero della Salute consiglia i condizionatori

Combattere il caldo, il Ministero della Salute consiglia i condizionatori

consigli contro il caldo

Contrordine: i condizionatori non fanno più male. Per anni il Ministero della Salute e i più importanti esperti di ondate di calore ci hanno consigliato di spegnere i condizionatori e accendere i ventilatori perché le condizioni atmosferiche che si realizzano con i condizionatori d’aria potrebbero essere dannose per la salute umana. Oggi invece arriva un clamoroso dietrofront: tra i suoi consigli per combattere il caldo, il Ministero della Salute indica esattamente il contrario, ovvero spegnere i ventilatori e passare al condizionatore.

Per dirla alla maniera di Renzi, che sia una strategia per “rilanciare i consumi”? Con il caldo afoso arrivato negli ultimi giorni in Italia, e che si prospetta sempre peggiore nelle prossime settimane, anche le istituzioni cercano di stare vicine al cittadino. Tra le azioni intraprese c’è l’ormai tradizionale vademecum del Ministero, ovvero una sorta di guida che viene rilasciata tutti gli anni e che ci dà consigli su come sopravvivere alla calura. Secondo questo abecedario della salute, pare che i condizionatori siano migliori perché i ventilatori danno una sensazione fittizia di fresco, ma in realtà si limitano a muovere solo l’aria. La conseguenza è che la sudorazione non viene evitata e di conseguenza ci può essere rischio di disidratazione.

I condizionatori d’aria invece abbassano realmente la temperatura, ma sono migliori dei loro “concorrenti” solo se viene effettuata la corretta manutenzione. I filtri dell’aria possono far circolare batteri che possono farci ammalare, e senza pulizia e lavoretti vari i condizionatori possono anche produrre rumore, vibrazioni o altri disagi per gli abitanti della casa.

Nel vademecum sono presenti anche consigli utili per abbassare la temperatura nella stanza in maniera naturale, ma anche per risparmiare energia con i condizionatori, ovvero tenere chiuse le finestre e abbassate le tapparelle per evitare che entrino i raggi solari bollenti, oppure usare vetri oscuranti. Infine i classici consigli: evitare di uscire nelle ore più calde (dalle 11 alle 18), utilizzare occhiali da sole, bere molta acqua, fare bagni o docce frequenti e non fare sforzi.

Fonte: Ministero della Salute
Foto: freeimages

Potrebbe interessarti anche:

tosse secca notturna

Tosse secca notturna: le cause e i rimedi migliori per calmare gli attacchi

La tosse secca notturna non ti fa dormire bene? In questo post scoprirai perché la tosse peggiora di sera e di notte e come alleviarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.