Home / Animali / Gatti / Pidocchi nei gatti, come eliminarli?

Pidocchi nei gatti, come eliminarli?

eliminare i pidocchi

Individuare i pidocchi nei gatti non è semplice, almeno in una prima fase. Un padrone può cominciare ad accorgersene quando nota la pelle lesionata perché il gatto la gratta eccessivamente o per un principio di malattia cutanea. Quando un gatto lecca, morde e graffia costantemente una parte del corpo, vuol dire che c’è qualcosa che non va. E se al gatto viene consentito di uscire all’aria aperta è molto probabile che abbia preso i pidocchi.

I pidocchi nei gatti sono una vera e propria disdetta. I pidocchi sono parassiti che vivono sulla pelle del gatto (ma anche degli esseri umani, in particolare i bambini) e la infestano. Ciò significa che si nutrono della pelle del corpo ospitante e vi possono piantare le uova. Tra i sintomi principali, oltre al prurito, ci sono anche un pelo non ordinato e dall’aspetto secco, e pezzi di pelo che cadono, in particolare intorno alle orecchie, collo, spalle, inguine e zona rettale.

La buona notizia è che però i pidocchi dei gatti non possono passare agli esseri umani, e viceversa. I pidocchi infatti sono parassiti specie-specifici, il che significa che quelli che infestano gli esseri umani sono diversi da quelli degli animali. È però molto facile che si trasmettano da un gatto ad un altro, o attraverso contatto indiretto, per esempio attraverso un asciugamano. Se si ha il sospetto che il gatto abbia i pidocchi, individuarli è abbastanza semplice: basta spazzolare il pelo con un pettine. Se vi rimangono sopra i lendini (piccole uova bianche) oppure si notano degli animaletti minuscoli a sei zampe e senza ali, vuol dire che il gatto ha i pidocchi.

Per eliminare i pidocchi nei gatti, non è necessario andare dal veterinario, anche se un controllo è sempre consigliabile farlo. Esistono in commercio degli shampoo adatti proprio a questa funzione, ma anche spray e polveri insetticida. Le modalità di utilizzo sono segnalate sulla confezione, è comunque probabile che questa sorta di “terapia” debba durare parecchio visto che bisogna eliminare tutte le uova, fino all’ultima, e non è un’impresa che si riesce a completare in breve tempo. Nei gatti a pelo lungo, è consigliabile sfoltirlo un po’ per facilitare il compito. Infine, per evitare la reinfezione, è consigliabile lavare e disinfettare tutti i suoi oggetti (copertina, giocattoli, persino le ciotole) per evitare che qualche pidocchio vi sia rimasto impigliato e, una volta che il gatto è guarito, possa infestarlo nuovamente. Ripulire anche tutti i mobili e i tappeti di casa.

Fonte: petmd
Foto: Eran Finkle su Flickr

Potrebbe interessarti anche:

gatto dorme sempre dormiglione o letargico

Il tuo gatto dorme sempre? Scopri se è letargico o solo dormiglione!

Il tuo gatto dorme sempre? Scopri da cosa può dipendere la letargia nei gatti e come capire se il tuo gatto è solo un dormiglione o è malato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.