Home / Attualità / Politica / Parlamento europeo, il Movimento 5 Stelle si allea per la prima volta?

Parlamento europeo, il Movimento 5 Stelle si allea per la prima volta?

alleanza movimento 5 stellePotrebbe cadere un altro tabù della politica italiana. Se infatti il Movimento 5 Stelle non ha alcuna intenzione di allearsi con nessuno nel nostro Parlamento, ben diverso è ciò che potrebbe accadere a livello europeo. Il partito di Grillo ha infatti ottenuto 17 seggi a Bruxelles, un numero cospicuo che però può valere solo se uniti a quelli di qualche altro partito. Se si isolasse, come ha fatto in Italia dove ne ha più di un centinaio, il movimento rischierebbe l’isolalmento. Certo, potrebbe fare da ago della bilancia in molte occasioni, ma non potrebbe pesare sulle scelte politiche. Per questo si sta pensando a delle alleanze.

Per la prima volta Grillo dunque apre ad altri partiti, ovviamente non italiani. Il primo e più probabile alleato è Nigel Farage, leader dell’Ukip, partito britannico anti euro che, per le sue tematiche, assomiglia molto al Movimento 5 Stelle. Ieri il comico genovese ha incontrato il leader dell’Ukip in un pranzo che sarebbe dovuto rimanere segreto, ma siccome è stato scoperto subito sono circolate voci di un’alleanza possibile.

In realtà Grillo ha poi ammesso di star valutando. Insomma, sì alle alleanze, ma non è detto che avvengano proprio con l’Ukip. Anche perché questo partito ha la fama di essere xenofobo ed avere altri punti del programma diversi da quelli del M5S. Fatto sta che se il Movimento 5 Stelle entrasse nel gruppo degli euroscettici che al momento contiene anche l’ultradestra di Marine Le Pen e soprattutto la Lega Nord, più altri partiti che si ribellano alle politiche pro-Germania, la Merkel e il suo PPE potrebbero cominciare a preoccuparsi. Molto di più di quanto non facciano con l’opposizione del PSE.

Se riusciamo a trovare un accordo, potremmo divertirci a causare un sacco di guai a Bruxelles

è stata la prima dichiarazione di Farage dopo l’incontro, mentre Grillo è stato più cauto ed ha detto che la decisione verrà pubblicata sul suo blog. Alla fine l’impressione è che, almeno sulla carta, il Movimento potrebbe allearsi sia con l’Ukip che con gli altri partiti anti-euro perché politicamente sono quelli a lui più vicini, ma non è detto che condividerà tutti i punti del programma. Salvini, per esempio, ha detto che l’intenzione sua, della Lega e del Front National è di bloccare ogni progresso dell’Unione Europea, mentre le intenzioni del Movimento 5 Stelle sono ben diverse: non distruggere ma “ammorbidire” le regole. Insomma, come in Italia, si valuterà caso per caso, qualsiasi saranno le coalizioni.

Foto: Beppe Grillo su Twitter

Potrebbe interessarti anche:

liberi e uguali

Liberi e Uguali: il programma per le elezioni 2018

Il lavoro è il principale punto del programma di Liberi e Uguali: i dettagli nella dichiarazione d'intenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.