Home / Sport / Calcio / Mondiali Brasile 2014: convocazioni e analisi del Girone E

Mondiali Brasile 2014: convocazioni e analisi del Girone E

girone e

Il Girone E dei Mondiali Brasile 2014 è uno di quelli praticamente già scritti. A fare la parte del leone sarà sicuramente la Francia di Pogba che magari non sarà ai livelli delle migliori squadre, ma è capitata nel girone più semplice. La leggendaria fortuna dei transalpini nei sorteggi li ha portati a scontrarsi con quella che è considerata la meno forte tra le teste di serie, ovvero la Svizzera, con la meno forte tra le qualificate sudamericane, ovvero l’Ecuador, e con una squadra materasso, l’Honduras. Ma andiamo ad analizzare meglio il gruppo.

Svizzera

Portieri: Diego Benaglio (Wolfsburg), Roman Bürki (Grasshopper), Yann Sommer (Basilea)
Difensori:
Johan Djourou (Amburgo), Michael Lang (Grasshopper), Stephan Lichtsteiner (Juventus), Ricardo Rodriguez (Wolfsburg), Fabian Schär (Basilea), Philippe Senderos (Valencia), Steve von Bergen (Young Boys), Reto Ziegler (Sassuolo)
Centrocampisti:
Tranquillo Barnetta (Eintracht Francoforte), Valon Behrami (Napoli), Josip Drmic (Norimberga), Blerim Dzemaili (Napoli), Gelson Fernandes (Friburgo), Mario Gavranovic (Zurigo), Gökhan Inler (Napoli), Admir Mehmedi (Friburgo)
Attaccanti:
Haris Seferovic (Real Sociedad San Sebastian), Xherdan Shaqiri (Bayern Monaco), Valentin Stocker (Basilea), Granit Xhaka (Borussia Mönchengladbach)

La nazionale elvetica, al pari della Francia, è capitata nel girone migliore perché con avversarie un po’ più forti avrebbe avuto più di un grattacapo. Ha fatto un girone di qualificazione abbastanza agevole, nel quale l’esperienza di buoni calciatori come Lichtsteiner, Behrami, Inler e Senderos è servita. Ma al Mondiale tutto è diverso. Sicuramente la Svizzera passerà il girone, con ogni probabilità dietro la Francia, ma il suo Mondiale potrebbe finire nel turno successivo.

Ecuador

Portieri: Maximo Banguera (Barcelona), Adrian Bone (El Nacional), Alexander Dominguez (Ldu);
Difensori: Gabriel Achilier (Emelec), Walter Ayovi (Pachuca), Oscar Bagui (Emelec), Frickson Erazo (Flamengo), Jorge Guagua (Emelec), Juan Carlos Paredes (Barcelona), Cristian Ramirez (Fortuna Dusseldorf);
Centrocampisti: Segundo Castillo (Al Hilal), Carlos Gruezo (Stoccarda), Renato Ibarra (Vitesse Arnhem), Fidel Martinez (Tijuana), Cristian Noboa (Dynamo Mosca), Pedro Quinonez (Emelec), Luis Saritama (Barcelona), Antonio Valencia (Manchester United);
Attaccanti: Jaime Ayovi (Tijuana), Felipe Caicedo (Al-Jazeera), Jefferson Montero (Morelia), Joao Rojas (Cruz Azul), Enner Valencia (Pachuca), Armando Wila (Universidad Catolica).

La nazionale ecuadoriana si è qualificata, come spesso accade nel girone sudamericano, con una certa dose di fortuna. Più che altro deve ringraziare la cattiva stella di altre nazionali concorrenti perché tecnicamente certamente è molti passi indietro rispetto ad altri squadroni. La stella è chiaramente Antonio Valencia del Manchester United, ma è anche l’unico giocatore degno di attenzione dell’intera rosa. Pochissimi hanno giocato o giocano in Europa, difficilmente da titolari, mentre per la maggior parte sono costretti a sbarcare il lunario in campionati minori come quelli arabi. Insomma, il suo Mondiale l’Ecuador l’ha già vinto qualificandosi, ma anche vincere una sola partita nel girone sarebbe un miracolo.

Francia

Portieri: Hugo Lloris (Tottenham), Steve Mandanda (Marsiglia), Mickaël Landreau (Bastia)
Difensori: Raphaël Varane (Real Madrid), Mamadou Sakho (Liverpool), Mathieu Debuchy (Newcastle), Laurent Koscielny (Arsenal), Lucas Digne (Psg), Eliaquim Mangala (Porto), Bacary Sagna (Arsenal), Patrice Evra (Manchester United)
Centrocampisti: Yohan Cabaye (Psg), Paul Pogba (Juventus), Blaise Matuidi (Psg), Moussa Sissoko (Newcastle), Clément Grenier (Lione), Rio Mavuba (Lilla), Mathieu Valbuena (Marsiglia)
Attaccanti: Karim Benzema (Real Madrid), Franck Ribéry (Bayern Monaco), Antoine Griezmann (Real Sociedad), Olivier Giroud (Arsenal), Loïc Rémy (Newcastle)

Il torneo vero della Francia inizierà agli ottavi perché durante il girone questa nazionale può giocare anche al 50% delle sue possibilità. I nomi di peso si sprecano, da Ribery a Pogba, da Benzema a Sagna, e poi Debuchy, Varane, Lloris, basti dire che gente come Gonalons e Nasri è rimasta fuori per capire il livello di questa squadra. La nazionale francese risorge dalle ceneri di quella del 2006, è dai tempi di Zidane che non è così competitiva, ed anche se forse non ha tutte le carte in regola per vincere il Mondiale, la vediamo tranquillamente arrivare tra le prime 8 squadre.

Honduras

Portieri: Noel Valladares (Olimpia), Donis Escober (Olimpia), Luis Lopez Fernandez (RCD Espana)
Difensori:
Brayan Beckeles (Olimpia), Arnold Peralta (Rangers), Emilio Izaguirre (Celtic), Oscar Garcia (Houston Dinamo), Maynor Figueroa (Hull City), Victor Bernardez (San Jose Earthquakes), Sergio Mendoza (Usac)
Centrocampisti:
Osman Chavez (Qingdao Jonoon), Juan Montes (Motagua), Luis Garrido (Olimpia), Roger Espinoza (Wigan), Jorge Claros (Motagua), Wilson Palacios (Stoke City), Oscard Boniek (Houston Dinamo), Andy Najar (Anderlecht), Marvin Chavez (Colorado Rapids)
Attaccanti:
Jerry Bengtson (New England Revolution), Jonny Palacios (Olimpia), Carlo Costly (Veria), Mario Martinez (RCA Espana)

La nazionale honduregna è certamente la squadra materasso del girone. Non ha grossa esperienza internazionale né giocatori d’alto livello. È riuscita a guadagnarsi la qualificazione in un girone non facilissimo, ma comunque crediamo davvero difficile per questi ragazzi riuscire a fare almeno un punto, presumibilmente contro l’Ecuador.

Il nostro pronostico

Sicuramente la Francia vincerà ad occhi chiusi il girone. Obiettivo fondamentale per evitare l’Argentina nel turno successivo, ma certamente alla portata della nazionale dei Bleus. Sarà interessante vedere lo scontro diretto con la Svizzera che si terrà nella seconda giornata, ma prepariamoci comunque ad una valanga di gol nelle altre due partite. Il girone comunque non ha storia: Francia prima e Svizzera seconda.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.