Home / Sport / Calcio / Serie A 2013/2014, la Juventus è campione d’Italia

Serie A 2013/2014, la Juventus è campione d’Italia

juventus 32

Per i tifosi sono 32, per la Lega Calcio 30, in ogni caso la Juventus porta a casa lo scudetto di quest’anno. La Juventus è campione d’Italia e, per la prima volta nella storia, ottiene la terza stella (ogni stella rappresenta dieci scudetti vinti) che potrà sfoggiare non più in via ufficiosa visto che adesso è ufficialmente riconosciuta anche dagli organismi calcistici italiani.

La squadra di Antonio Conte festeggia così il suo scudetto numero 30 (o 32) senza neanche scendere in campo. Dato l’impegno di giovedì scorso in Europa League, la Lega ha concesso ai bianconeri un giorno in più di riposo e gli ha permesso di scendere in campo questa sera. La Roma, l’unica inseguitrice in classifica, è però scesa in campo ieri contro il Catania. Ma non sembrava la solita Roma pimpante e aggressiva, ha lasciato troppo campo ad una squadra che, forse per la prima volta dall’inizio del campionato vede la possibilità di salvarsi, e così i siciliani non se lo sono lasciati ripetere. Il Catania vince 4-1 ed anche se la Juve dovesse perdere questa sera contro l’Atalanta, gli 8 punti di distacco dal secondo posto restano ormai incolmabili.

Il campionato ormai ha deciso quasi tutti i verdetti. Decisi infatti il primo posto (Juventus), il secondo (Roma), il terzo (Napoli), ed anche se non matematicamente, di fatto anche il quarto (Fiorentina). Restano in bilico gli altri due posti che mandano in Europa League, attualmente occupati dall’Inter e dal Torino. Per questi due posti comunque ci sono diversi club in gioco. C’è il Milan che, vincendo il derby di ieri, si è portata a -1 dai granata, c’è il Parma a pari punti con i rossoneri, e la squadra che vincerà oggi tra Lazio e Verona raggiungerà proprio la squadra di Ventura. Insomma, 6 squadre per due posti significa che tutto può ancora accadere.

Niente è ancora deciso nemmeno per la zona retrocessione. Con i punti portati a casa nelle ultime domeniche il Catania, che sembrava spacciato da tempo, abbandona l’ultimo posto, occupato ora dal Livorno, e spera nella salvezza. Paradossalmente se dovesse vincere lo scontro diretto di domenica prossima con il Bologna, potrebbe essere salvo dopo un’intera annata passata ad occupare l’ultima posizione. Per i tre posti che mandano in Serie B rimangono ancora in gioco cinque squadre. Il Livorno è quasi spacciato visto che è a -4 dalla salvezza e nelle prossime giornate avrà Fiorentina e Parma. Molto dipenderà dalla prossima partita tra Bologna e Catania, con i siciliani che poi nell’ultima giornata incroceranno un’Atalanta che ormai non ha più nulla da chiedere al campionato, mentre i felsinei troveranno una Lazio che potrebbe ancora essere in corsa per un posto in Europa. Il terz’ultimo posto è attualmente occupato dal Sassuolo che ha una partita da recuperare con la Fiorentina, e poi un cammino non molto facile dato che incrocerà Genoa e Milan. Infine c’è il Chievo che per adesso ha due punti di vantaggio sul terz’ultimo posto, ma appare piuttosto in calo. Per sua fortuna nelle ultime due giornate incontrerà il Cagliari che è già salvo e con poche motivazioni, e poi l’Inter che, nell’ultima giornata, potrebbe essere già qualificato per l’Europa League, oppure potrebbe accontentarsi di un pari.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.