Home / Attualità / Cronaca / Crisi in Ucraina, la Russia tenta di rifondare l’Unione Sovietica?

Crisi in Ucraina, la Russia tenta di rifondare l’Unione Sovietica?

crimea

Non solo l’Ucraina nel mirino della Russia. Anche la Moldavia adesso è in pericolo. L’avanza russa continua, come se ci trovassimo sullo scacchiere politico di un secolo fa, con quella che fu l’Armata Rossa pronta ad invadere l’Europa e scatenare la Terza Guerra Mondiale. Probabilmente non si arriverà a tanto, o almeno ce lo si augura, ma intanto l’esercito di Putin non fa niente per evitare questo pericoloso pensiero.

L’Ucraina ormai è per buona parte in mano ai russi. Dopo il referendum in Crimea che ha di fatto consegnato nelle mani di Putin la penisola (la Russia ha ratificato l’annessione e, nonostante le proteste Occidentali, ormai non c’è più strumento democratico che tenga), la partita poteva essere terminata qui, ma Putin non si accontenta e vuole di più. La Crimea potrebbe essere solo la prima regione del Paese a chiedere la secessione, e il Ministro degli esteri ucraino Andrii Deschchytsia è stato chiaro:

le possibilità di una guerra con la Russia sono più alte.

Il motivo è che gli ex sovietici sono andati oltre la Crimea ed hanno occupato il porto di Feodosia che nominalmente appartiene alla penisola che chiede la secessione da Kiev, ma geograficamente è praticamente sullo Stato ucraino. Con l’arrivo dei militari è stato così abbattuto anche l’ultimo ostacolo pro-Ucraina e l’ammassamento delle truppe militari spaventa il Governo di Kiev.

Ma purtroppo non è tutto qui. Adesso a far paura è anche la situazione in Moldavia. Per la precisione si parla della Transitria, una piccola regione moldava che confina proprio con la Crimea. Il timore delle autorità locali è che presto l’ammassamento delle truppe russe possa sfociare in una vera e propria invasione, senza questa volta il supporto della popolazione che non ha votato in nessun referendum per l’annessione. A questo si aggiunge il tentativo, per fortuna andato a vuoto, di un paio di anni fa quando i russi entrarono con i carri armati in Georgia. All’epoca la guerra si evitò per un pelo, ma questa volta non è detto che vada allo stesso modo.

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbe interessarti anche:

militante isis

Terrorismo: come riconoscere un terrorista Isis

Le autorità francesi hanno stilato le caratteristiche del militante Isis da segnalare immediatamente alle autorità: come riconoscere i possibili attentatori.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.