Home / Ambiente / Green News / Cambiamenti climatici, Obama lancia il sito Climate Change

Cambiamenti climatici, Obama lancia il sito Climate Change

cambiamenti climatici usa

Per oltre un anno quel “change” è stato il suo cavallo di battaglia. Probabilmente, insieme allo slogano “yes, we can”, è la parola che ha permesso a Barack Obama di vincere le elezioni per la presidenza degli Stati Uniti, per ben due volte. Probabilmente però all’epoca della campagna elettorale Obama non immaginava nemmeno che quel “change” un giorno sarebbe cambiato in “climate change”, il cambiamento climatico che sta imperversando nel mondo e che sta già mietendo le prime vittime. Ma di cui gli americani non sono convinti.

Sì perché mentre in Italia ed in Europa questa eventualità non è affatto sottovalutata, anzi ormai è nota a tutti, negli Stati Uniti c’è ancora a chi grida al complotto e chi afferma che si tratta di invenzioni delle lobby delle rinnovabili. Come se il 97% degli scienziati mondiali che ha confermato che il clima sta cambiando fossero tutti impazziti o al soldo di una lobby che di certo è centinaia di volte meno ricca di quella del petrolio.

Per cercare di fare un po’ d’ordine, e di dare un profilo istituzionale alla lotta contro i cambiamenti climatici, la Casa Bianca, su input dello stesso Obama, ha creato un sito dedicato completamente al riscaldamento globale. Lo trovate all’indirizzo www.data.gov/climate ed in sostanza riporta tutti gli studi, le rilevazioni e quant’altro riguardanti gli effetti dei mutamenti climatici negli Stati Uniti.

Per esempio si possono notare gli effetti degli uragani degli ultimi anni che sono sempre più potenti, vedi Katrina, Sandy e tutti gli altri che li hanno seguiti, oppure gli impatti sulle città americane dell’innalzamento del livello del mare, ma anche le previsioni su ciò che molto probabilmente potrebbe accadere in futuro. Negli USA spopolano dei siti più o meno attendibili che mescolano verità e fantasia sulle ricerche riguardanti i cambiamenti climatici, ed in questo modo il governo americano ha deciso di dare un profilo di istituzionalità, pubblicando studi del NOAA e di altre agenzie governative o autorevoli, per dare soltanto informazioni reali sullo stato delle cose.

Secondo quanto trapela da oltreoceano, è stato Obama in persona a volere questo sito perché dice che potrebbe spingere gli americani non solo a convincersi che il problema sia reale, ma anche a prendere provvedimenti, ovvero attuare pratiche di sostenibilità per ridurre il proprio impatto sull’ambiente (inquinare meno, mangiare in modo più sostenibile, e così via), ma anche per cominciare una vera e propria lotta agli effetti del cambiamento climatico, innalzando barriere di protezione lungo le coste, incentivando gli investimenti in ricerca in questo settore, e così via.

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbe interessarti anche:

giardini verticali erbe Ricola Milano Cadorna

Milano Cadorna si colora di verde con i giardini verticali Ricola

I viaggiatori in transito nella stazione di Milano Cadorna potranno conoscere le 13 erbe di Ricola ospitate in giardini verticali posti lungo i binari.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments