Berlusconi condannato in via definitiva: incandidabile per i prossimi 2 anni

di Onofrio Marco Mancini
4 commenti

berlusconi contro napolitano

La condanna per Silvio Berlusconi è definitiva. La frode fiscale e soprattutto l’incandidabilità, né alle prossime elezioni politiche né alle europee (e nemmeno alle eventuali provinciali, regionali o comunali) è adesso passata in giudicato dopo la sentenza della Corte di Cassazione che si è pronunciata ieri sera, intorno alle 22:00. Al Cavaliere, al quale erano stati già inferti 4 anni di reclusione, di cui 3 scontati con l’indulto, vengono così confermati i due anni di interdizione dai pubblici uffici, quella pena accessoria che il leader di Forza Italia proprio non voleva accettare.

Berlusconi infatti, contro ogni legge dello Stato, continuava non solo a professarsi innocente, ma anche a ribadire di volersi candidare alle prossime elezioni europee. Nonostante una recente sentenza avesse ribadito che non poteva uscire dall’Italia. Proprio pochi giorni fa Berlusconi aveva tentato anche la carta del sostegno internazionale, ma anche i vertici del Ppe ed il commissario europeo alla giustizia l’avevano respinto, affermando una regola molto semplice: se non è candidabile nel suo Paese, non è candidabile nemmeno in Europa.

E ora? Come sempre il Cavaliere non si dà per vinto. Ha già preannunciato ricorso alla Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, affermando che sono stati violati i suoi diritti nonostante i tre gradi di giudizio si siano svolti correttamente ed alcune sentenze siano anche state a suo favore, come la riduzione dell’interdizione da 5 a 2 anni. Forza Italia comunque non ci sta a perdere il suo leader, e farà sicuramente ricorso alla Corte Europea in quanto, secondo i legali dell’imputato, Berlusconi avrebbe ricevuto due condanne per lo stesso reato. Si parla infatti dei 2 anni di interdizione assegnatigli dalla Cassazione che si aggiungono ai 6 anni di interdizione legati alla Legge Severino. Mentre secondo Dario Stèfano questi anni si aggiungono, quindi Berlusconi non sarebbe candidabile per ben due anni più 6 nei quali non potrà ricoprire alcun ruolo pubblico, per Brunetta non si possono avere due pene per lo stesso reato e quindi almeno la pena dei 2 anni potrebbe essere annullata. In entrambi i casi il finale è lo stesso: alle prossime elezioni europee Berlusconi non si potrà candidare (e molto probabilmente nemmeno alle prossime politiche), ed il prossimo 10 aprile si deciderà sui servizi sociali ai quali verrà affidato.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

4 commenti

Legge Severino: De Luca potrà governare o no? - M'informo 3 Giugno 2015 - 08:58

[…] De Luca era decaduto appena pochi mesi fa dalla carica di sindaco di Salerno a causa della Legge Severino, in seguito alla condanna per abuso d’ufficio. Per tale legge non avrebbe potuto ricoprire […]

Rispondi
Caso Ruby: assolto Silvio Berlusconi - M'informo 11 Marzo 2015 - 08:57

[…] è partito al contrattacco ed ha annunciato di volere riprendere la lotta politica per eliminare la legge Severino a causa della quale è decaduto dal ruolo di Senatore e non può nemmeno ricandidarsi alle prossime […]

Rispondi
Cos'è la norma salva-Berlusconi nel decreto fiscale - M'informo 5 Gennaio 2015 - 09:00

[…] Berlusconi è infatti stato condannato a 4 anni di reclusione (3 indultati) e all’esclusione dalle cariche pubbliche per 6 anni (legge Severino) per […]

Rispondi
Senza Berlusconi, quale sarà il futuro di Forza Italia? - M'informo 20 Marzo 2014 - 09:22

[…] Berlusconi condannato in via definitiva: incandidabile per i prossimi 2 anniPubblicato 1 giorno fa […]

Rispondi

Lascia un commento