Home / Salute / Alimentazione / Dimagrire senza attività fisica è possibile

Dimagrire senza attività fisica è possibile

perdere peso

Nei consigli per dimagrire due elementi sono sempre presenti tra i consigli di medici ed esperti: rivedere la propria dieta e fare attività fisica. Partendo dal presupposto che entrambe le indicazioni sono corrette, bisogna anche considerare che non sempre è possibile fare attività fisica. Se si fa un lavoro che ci tiene bloccati per tutto il giorno ad una scrivania, o si ha qualche tipo di disabilità, o ancora abitiamo troppo distanti da una palestra o da un parco nel quale andare a correre, non dobbiamo disperarci: perdere peso è ancora possibile. Basta seguire questi consigli di esperti e di buon senso.

Prima di tutto bisogna agire sul cibo. Un errore che fanno molti è sottrarre dalla dieta tutti i piaceri della tavola. In questo modo ci si scoraggia facilmente e si abbandona il regime alimentare corretto in poco tempo. Provate invece ad aggiungere. Aggiungete cibi sani come frutta e verdura e la voglia di mangiare cibi spazzatura o comunque poco sani diminuirà. Sostituite una zuppa ad un piatto di carne, una ciotola di mirtilli ad una merendina, e come afferma David Grotto, autore di 101 Optimal Life Foods, scoprirete che “aggiungere funziona davvero, togliere quasi mai”. Ad ogni modo è sempre meglio consultare un dietologo che può indicare la dieta più adatta alle esigenze di ognuno.

Altra cosa che si può provare sul cibo è “alleggerire” i cibi che si amano. Ad esempio provare il gelato senza aggiungere la panna, la pizza senza la mozzarella o l’olio, o cenare senza le salsine. O anche semplicemente evitare di bere birra, che contiene calorie, o bevande gassate che contengono zuccheri, e provare semplicemente con l’acqua. Proprio l’acqua è un altro punto da non sottovalutare per per dimagrire senza attività fisica. L’acqua infatti riempie, e bere tanta acqua, oltre a far bene alla pelle e agli altri organi, fa aumentare la sensazione di sazietà che ci fa arrivare meno affamati al pasto. Secondo Elaine Magee, autrice di Tell Me What to Eat If I Suffer From Heart Disease and Food Synergy, una buona soluzione alla dipendenza da snack è proprio avere a portata di mano sempre una bibita, meglio ancora se dell’acqua. Tiene occupata la bocca e berne un bicchiere riduce all’istante la sensazione di voracità.

Quando si mangia fuori invece è una buona soluzione dividere qualcosa con il partner o con un amico. Magari fare a metà del dolce oppure prendere una pinta di birra in due anziché prenderne una a testa può aiutare a perdere peso nell’arco di breve tempo. E magari anche a risparmiare qualche soldo.

Una tecnica psicologica che ci aiuta a mangiare meno è utilizzare un piatto più piccolo. Anche utilizzando la stessa quantità di cibo, servito su un piatto grande dà una sensazione di soddisfazione inferiore rispetto a quando viene servito in un piatto più piccolo. In questo secondo caso ci sembra di mangiare di più, in modo da non far pesare più di tanto quando la porzione verrà ridotta. Altre tecniche che funzionano sono mangiare sempre alla stessa ora per fare in modo che il corpo si abitui ad avere un certo ritmo, magari anche pianificando il menu di tutta la settimana; cucinare la stessa cosa anche per le altre persone (è più faticoso portare avanti una dieta quando si mangia un piatto di insalata mentre si cucinano gli hamburger ai propri figli); ed infine ricordarsi che anche una piccola rinuncia alla lunga paga.

Dopodiché bisogna valutare cosa si intende per attività fisica. Se è impossibile iscriversi in palestra, non è detto che non si possano fare altre attività quotidiane normali. Da una passeggiata al lavare l’auto, dal sesso al portare il cane a passeggio, persino alzarsi per andare a spegnere la tv anziché usare il telecomando sono tutte attività fisiche che fanno bruciare calorie come e a volte di più di una seduta in palestra.

Infine bisogna sempre tenere a mente che il percorso è difficile, ma man mano che si procede diventa sempre più semplice. All’inizio gli sforzi e le rinunce possono sembrare insormontabili, ma alla lunga diventano sempre più facili e naturali, fino a farci abituare a mangiare meno, perdendo sempre più peso.

Fonti: Webmd; Myfitnesspal
Foto: Photl

Potrebbe interessarti anche:

gusci uova

È sicuro mangiare i gusci delle uova o causano appendicite?

Hai mangiato il guscio di un uovo e hai paura possa venirti l'appendicite? Scopri nel nostro post cosa dicono i medici sui rischi dei gusci delle uova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.