Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Come calcolare la classe energetica della propria casa

Come calcolare la classe energetica della propria casa

certificazione energetica

La certificazione energetica è ormai diventata una pratica obbligatoria per legge quando bisogna vendere o affittare casa. Essa, come per gli elettrodomestici, assegna un punteggio che va da A+, che è il livello massimo, fino al G che è il minimo, in base a quanto è energeticamente efficiente il proprio appartamento. I parametri per valutare questa famosa classe energetica sono diversi, e secondo la legge devono essere attestati obbligatoriamente da un professionista, ma per avere un’idea della classe energetica alla quale appartiene la vostra abitazione, è possibile fare un calcolo piuttosto semplice.

Precisiamo subito che questo calcolo non dice con estrema precisione la classe energetica dell’edificio e non vale come dichiarazione ufficiale in quanto le variabili da tenere in considerazione sono tantissime (posizione geografica, isolamento termico, tipologia dell’impianto di riscaldamento e così via), ma almeno può aiutare a farvi un’idea e, casomai, agire di conseguenza. Il calcolo non vale per le caldaie a condensazione, anche perché tra l’altro chi ha un impianto del genere molto probabilmente avrà una classe A o A+.

Il calcolo si basa sulle bollette del gas dell’ultimo anno. Raccogliete tutte le bollette del 2013 per esempio e calcolate il consumo annuo in metri cubi di metano. Una volta fatta la somma, moltiplicare la cifra ottenuta per 8,3 (8,3 sono i Kwh sprigionati da un metro cubo di gas metano). Prendete questa cifra e dividetela per i metri quadrati dell’abitazione. La somma darà la vostra classe energetica secondo la tabella qui sotto:

  • Classe A+: valore inferiore a 14
  • Classe A: tra 14 e 29
  • Classe B: tra 29 e 58
  • Classe C: tra 58 e 87
  • Classe D: tra 87 e 116
  • Classe E: tra 116 e 145
  • Classe F: tra 145 e 175
  • Classe G: oltre 175

Il calcolo non ha valore legale e non può essere usato in un annuncio di locazione o vendita perché, in assenza di una certificazione fatta da un professionista, si rischia di incorrere in multe salate.

Foto: Sxc

Potrebbe interessarti anche:

smartbike

Smartbike: il futuro della bicicletta è Volata?

Arriva la smartbike: un po' bici a pedalata assistita, un po' smartwatch e un po' intrattenimento da auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.