Home / Ambiente / Viaggi / Città migliori dove emigrare, il Quality of Living 2014 penalizza l’Italia

Città migliori dove emigrare, il Quality of Living 2014 penalizza l’Italia

città dove emigrare

Come ogni anno la società di recruiting Mercer stila la classifica sulle città dove è più consigliabile emigrare per vivere e lavorare, analizzando 10 parametri fondamentali riguardanti il lavoro, le possibilità di inserimento, la qualità della vita e così via. Anche quest’anno ha analizzato le 223 metropoli più grandi del pianeta ed ha stilato la graduatoria pubblicata nel rapporto Quality of Living 2014. Ecco gli aspetti più importanti della top 10.

10 – Berna: la città svizzera offre un ottimo livello di servizi, in particolare nei trasporti, ma anche un reddito pro capite più alto della media mondiale, anche rispetto alle prime 10 città al mondo.

9 – Copenhagen: nono posto per la Capitale della Danimarca. Copenhagen è considerata la città migliore in quanto a welfare e per i servizi ai cittadini in generale, ed è anche la città più bike-friendly del mondo da anni.

8 – Ginevra: punto di riferimento per tutti gli economisti mondiali, dal punto di vista dell’alta finanza è quasi da considerarsi la sede delle attività mondiali. Qui sono presenti alcune delle sedi più importanti del mondo, prima fra tutte quella dell’Onu, il tutto circondato da uno dei tassi di verde più alti tra le metropoli mondiali.

7 – Francoforte: cuore finanziario dell’Europa, insieme a Monaco e ad alcune città svizzere, Francoforte è anche una delle città con il reddito pro capite più alto. Purtroppo è anche una di quelle con i costi più alti.

6 – Dusseldorf: una delle migliori città al mondo in quanto ad infrastrutture, questa città tedesca è uno dei punti di riferimento per l’economia mondiale dato che ospita alcune delle fiere più importanti del mondo.

5 – Vancouver: la prima metropoli del Continente americano è Vancouver, in Canada, città con un fortissimo tasso di crescita grazie allo sviluppo industriale basato sulle tecnologie green. È una delle città di riferimento per quanto riguarda l’industria informatica, cresce anche dal punto di vista cinematografico.

4 – Monaco di Baviera: per anni è stata la capitale economica europea, Monaco è nota per le sue attività culturali, un sistema sanitario d’eccellenza e a basso costo, ed un’efficienza della pubblica amministrazione che noi possiamo solo sognare.

3 – Auckland: Sul gradino più basso del podio troviamo Auckland, in Nuova Zelanda. A fare da padrona qui è la crescita economica che sta attirando le migliori menti del mondo, le quali permettono anche un importante miglioramento socio-culturale. Male solo nel servizio di trasporto pubblico, ma è normale in una metropoli in crescita.

2 – Zurigo: a pochi passi da noi, in Svizzera, c’è la seconda migliore città secondo Mercer. Zurigo si può definire la capitale economica del mondo grazie alla presenza dei principali banchieri dell’alta finanza. Non sfigura però in altri parametri come quello ambientale, culturale e nei servizi pubblici. Purtroppo è anche una delle città più care del mondo.

1 – Vienna: la città dove si vive e lavora meglio è Vienna. La Capitale dell’Austria è una delle più ricche al mondo, ma nonostante ciò non ha la maggior parte dei problemi delle altre metropoli ricche come il tasso di criminalità elevato o l’inquinamento. Posizionata al centro di uno scenario da favola, Vienna ha ottenuto i voti più elevati nel complesso grazie ad un sistema di trasporto pubblico efficientissimo, un’elevata vita culturale e ottimi livelli anche per quanto riguarda la salute. Il tutto, pur mantenendo bassi gli affitti, qualcosa che le nostre grandi città dovrebbero imparare.

E le italiane? Certamente non potevamo aspettarci di trovarle tra le prime dieci, una classifica nella quale non compaiono nemmeno città faro della cultura e dell’economia come Londra, Parigi o New York. La prima nostrana è Roma che finisce al 38° posto, la seconda è Milano alla posizione numero 41. Molto lontane dal vertice, ma su una platea di 223 città alla fine come risultato non è così negativo.

Foto: Photobeppus su Flickr.

Potrebbe interessarti anche:

viaggiare con i contanti

Viaggiare con i contanti: quanti soldi si possono portare?

Se state per partire all'estero, attenzione a quanti soldi vi portate in valigia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.