Home / Sport / Calcio / Juventus, i piani di Conte e il mercato faraonico della prossima estate

Juventus, i piani di Conte e il mercato faraonico della prossima estate

conteLa Juventus ha già messo in cantiere questa stagione quasi definitivamente. Lo scudetto, con tutti gli scongiuri del caso, sembra ormai archiviato, la Coppa Italia ormai non c’è più e resta da vedere solo come andrà l’Europa League dove i bianconeri sono strafavoriti. Per questo sono cominciate le grandi manovre per la prossima stagione. Manovre che vedono sin da oggi due punti caldi: Antonio Conte e Pogba.

Antonio Conte

La Juve vuol fare di Conte una figura alla Ferguson per il Manchester United, cioè dargli più poteri in cambio della certezza che resti in bianconero per tutta la carriera. A lui questa proposta non dispiace, ma pone delle condizioni affinché si realizzi. Non c’entrano i soldi, Monaco e Manchester United sono disposte a raddoppiargli l’ingaggio, ma lui si “accontenta” di quanto prende in bianconero. Le richieste che fa sono tecniche. Per poter rinnovare il suo attuale contratto e portarlo al 2017 chiede prima di tutto che i suoi campioni non partano. In questo senso è già stato rinnovato il contratto di Vidal (guarda caso proprio fino al 2017), presto sarà rinnovato quello di Pirlo e poi toccherà a Pogba.

La seconda richiesta è l’acquisto, durante la prossima sessione estiva di mercato, di almeno due campioni. Ma questo punto lo tratteremo più avanti. La terza richiesta è di avere più poteri, proprio come Ferguson, ed in particolare sulla Primavera. Ferguson scoprì gente come Cristiano Ronaldo e Beckham, e lo stesso spera di fare anche il tecnico salentino. Per questo motivo vuole inserire una clausola nel prossimo rinnovo per mettere un suo uomo di fiducia nello staff della Primavera. Anche se ultimamente gli osservatori stanno lavorando bene da questo punto di vista dato che si stanno assicurando molti potenziali campioncini.

Pogba e mercato

Ma l’aspetto che più interessa i tifosi è il calciomercato. Molto dipenderà da Pogba. Il francese vuol restare alla Juve, e la Juve vuol tenerlo. Ma si sa, di fronte ad una offerta clamorosa, non si potrebbe dire di no. In questi giorni, secondo alcune indiscrezioni da ambienti vicini alla società, Marotta e Conte avrebbero rifiutato senza pensarci su due volte l’offerta del PSG di 70 milioni di euro. L’obiettivo è di far scattare l’asta con Chelsea e Real Madrid. Con queste tre super potenze c’è la possibilità che si arrivi a 100 milioni. Solo in quel caso Pogba potrebbe essere ceduto. Non a caso i bianconeri si stanno tutelando con Fernando del Porto, gigante con lo stesso ruolo di Pogba che potrebbe arrivare a parametro zero la prossima estate.

In questo caso le strade sono due: sotto i 90-100 milioni, Pogba resterà e la Juve si ritroverà con un bel po’ di traffico a centrocampo, ma probabilmente nessuno dei suoi giocatori verrebbe ceduto perché Marchisio e Pirlo si alternerebbero e Fernando farebbe il vice ora di Pogba e ora di Vidal. La seconda ipotesi è che il francese venga venduto, e dunque ci sarebbero i soldi per acquistare anche più dei due campioni che chiede Conte.

Si ma quali sarebbero questi due acquisti? Uno è certamente l’esterno sinistro, ed il nome in pole position, si sa, è Nani. Ma non c’è solo lui. Gli altri nomi sono Cuadrado, Biabiany e, novità dell’ultimo minuto, Kagawa. Il giapponese è un trequartista, ma può essere adattato come esterno nel 4-3-3. Il secondo nome è ancora tutto da decifrare. Se Osvaldo soddisfacesse Conte, si punterebbe a prendere un difensore, altrimenti l’ex romanista non verrebbe riscattato, e Conte ha già chiesto Mandzukic, anche se non è l’unico nome nell’elenco.

Nel caso di cessione di Pogba potrebbero essere ingaggiati anche altri giocatori che a Conte non dispiacerebbero affatto come Evra, per dare il cambio o sostituire del tutto Asamoah, ma anche Guarin e Ranocchia.

Foto: Wikipedia

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.