Home / Attualità / Economia e Risparmio / I prodotti italiani più esportati in Cina, ecco i settori in cui investire

I prodotti italiani più esportati in Cina, ecco i settori in cui investire

made in italySempre più aziende italiane spostano gli stabilimenti all’estero, alla faccia del made in Italy. Ma ancora non è tutto perduto, visto che ancora ci sono aziende che sono restate in Italia e sfruttano i Paesi stranieri come mercato e non come polo produttivo. Il Sole 24 Ore ha raccolto i 7 settori che fanno faville nel più grande mercato del mondo, la Cina, pur restano italiane al 100%. Uno spunto dal quale ripartire e nel quale magari vale la pena ancora investire. Ovviamente restando in Italia.

1 – Macchinari e tecnologia: i macchinari da industria, come quelli per chiudere le bottiglie o per impacchettare i prodotti, sembrano ancora migliori che all’estero. Il giro d’affari del mercato della macchina imbottigliatrice è di circa 90 milioni l’anno.

2 – Abbigliamento: i marchi dell’Alta Moda sono e resternano sempre made in Italy, come ha dimostrato Prada che, dopo un anno di “vacanza” in Qatar, è tornata all’ovile. Quando ci si riesce a distinguere dal tessile contraffatto, si fanno affari: il giro d’affari stimato è di un miliardo di euro l’anno.

3 – Gioielleria e metalli preziosi: anche se non abbiamo le materie prime, siamo uno dei Paesi che le lavora meglio al mondo. Da Bulgari a Pomellato, passando per le altre marche nostrane, si calcola un giro d’affari di 236 milioni di euro l’anno.

4 – Automobili: nonostante la Fiat abbia lasciato l’Italia, marchi come Ferrari, Maserati e simili sono ancora considerati al top. Secondo le stime degli addetti al settore, il mercato degli autoveicoli (compresi anche quelli non di lusso) è il sesto export più forte d’Italia ed il giro d’affari con la Cina è stimato in oltre 800 milioni di euro l’anno.

5 – Biomedicale e farmacia: la ricerca in Italia è soffocata, ma quella che si riesce a fare è di ottimo livello. I nostri medicinali sono venduti in tutto il mondo, e nella sola Cina si calcola che la spesa per i prodotti nostrani ammonti a circa 260 milioni di euro.

6 – Accessori: sempre nel campo della moda, anche gli accessori fanno la loro parte. Scarpe, borsette e così via vivono di luce riflessa con il made in Italy dell’abbigliamento, e così il giro d’affari raggiunge come minimo il miliardo e mezzo di euro l’anno.

7 – Alimentazione: ma il made in Italy per eccellenza riguarda il cibo. Nonostante i tanti tentativi di imitazione, dal vino ai formaggi, dalla pasta ai salumi, il giro d’affari Italia-Cina è di almeno 45 milioni di euro l’anno.

Foto: Sxc
Fonte: Sole 24 Ore

Potrebbe interessarti anche:

pignoramento conto corrente

Pignoramento conto corrente: come avviene e come evitarlo

Le procedure legali che portano al blocco dei conti correnti, come evitarlo e come sbloccarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.