Home / Salute / Medicina / Malattie cardiache, un rischio silenzioso per il cuore delle donne

Malattie cardiache, un rischio silenzioso per il cuore delle donne

malattie cardiache donne prevenzione

Una donna su quattro morirà a causa di malattie cardiache eppure la salute del cuore viene non di rado trascurata dalla popolazione femminile. Un grave errore, dal momento che le malattie cardiache nelle donne possono presentarsi sin dall’adolescenza spesso in modo silenzioso, per poi manifestarsi con le loro drammatiche conseguenze in età adulta. Pensate che per le donne il rischio di morire di malattie cardiache è tre volte più alto del rischio di morire a causa del cancro al seno, eppure a causa di una mancata sensibilizzazione sull’argomento si tende a trascurare quest’evenienza, tutt’altro che improbabile, e a non fare nulla per scongiurarla.

Il cuore pompa sangue e dunque ossigeno e nutrienti ai tessuti, garantendo la completa funzionalità dei nostri organi, permettendoci di emozionarci, pensare, muoverci. Motivi più che sufficienti per concentrare maggiormente le nostre attenzioni sulla prevenzione delle malattie cardiache, adottando uno stile di vita sana e una dieta equilibrata.

Il monito a prendersi maggiormente cura del proprio cuore arriva dall’American Heart Association. Secondo un recente sondaggio condotto dall’associazione, il 40% delle donne si preoccupa poco o niente della salute del cuore. L’AHA, lo scorso mese di novembre, ha rilasciato delle nuove linee guida per la prevenzione delle malattie cardiache nelle donne. Non occorrono sforzi sovrumani per prendersi cura del proprio cuore, basta seguire alcune indicazioni fondamentali quotidianamente. I tre passi per proteggere il cuore delle donne indicati dall’AHA sono alla portata di tutti, anche di chi ha poco tempo e non può seguire alla lettera raccomandazioni troppo impegnative.

  1. Curare l’alimentazione, riempiendo la dispensa di frutta, verdura, prodotti e cereali integrali e grassi buoni come quelli contenuti nelle noci e nell’olio extravergine d’oliva. Limitare il consumo di prodotti di origine animale. Non a caso uno dei fattori di rischio cardiovascolare è il livello di omocisteina nel sangue, un amminoacido che il nostro organismo produce per metabolizzare la metionina, presente negli alimenti di origine animale.
  2. Esercitarsi per 40 minuti almeno due volte alla settimana, sudando e allenando gradualmente il cuore e il fisico ad una maggiore resistenza, senza superare tutto d’un botto i propri limiti. Prima di intraprendere un’attività aerobica più intensa, in special modo se si è fuori forma e si conduce una vita piuttosto sedentaria, è bene sottoporsi a una visita medica e iniziare con un allenamento lieve e moderato, per poi aumentare d’intensità e in durata settimana dopo settimana.
  3. Tenere il colesterolo cattivo, l’LDL, sotto controllo. Fate le analisi almeno una volta all’anno. L’LDL non dovrebbe superare i 130 mg/dL. Il colesterolo totale è bene che non superi i 200 mg/dL.

Altre indicazioni per proteggere la salute del cuore includono il raggiungimento  e il mantenimento del peso forma, un’adeguata gestione dello stress, la riduzione drastica del consumo di alcolici e l’eliminazione delle sigarette.

Fonte: One in Four Women Will Die From Heart Disease. Everything You Need to Know About This Silent Killer – Women’s health
Foto: Phillie Casablanca su Flickr

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

pelle arrossata per il sudore prurito

Pelle arrossata per il sudore e prurito: i rimedi più efficaci

Hai la pelle arrossata per il sudore? Il prurito dopo aver sudato non ti dà pace? Ecco i rimedi naturali più efficaci consigliati dai dermatologi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.