Home / Videogiochi / Battlefield 4, recensione e voto utenti

Battlefield 4, recensione e voto utenti

battlefield

La serie Battlefield è cresciuta in questi ultimi anni, ed il salto dall’ultima uscita, favorito anche dall’anno di stop (Battlefield 3 è uscito nel 2011) ha fatto sì che gli sviluppatori abbiano prodotto un gioco molto diverso (in meglio) rispetto al passato. Battlefield 4 è uscito così a fine 2013 con l’intento di “fare le scarpe” al più quotato Call of Duty. Ce l’avrà fatta? Andiamo a scoprirlo.

A differenza di Ghosts che, se confrontato con Call of Duty Black Ops II ottiene al massimo un pareggio (o forse una sconfitta di misura), almeno rispetto al suo predecessore, Battlefield 4 vince in pieno la partita. Dire però se sia meglio di Call of Duty è difficile per il semplice motivo che i due giochi si assomigliano molto. Mentre CoD è rimasto molto simile a se stesso, Battlefield è diventato quasi un clone di CoD, tanto che se per assurdo un utente fosse catapultato in uno scontro a fuoco, non saprebbe distinguere i due giochi.

Graficamente il salto è eccezionale, anche se la differenza tra old e next-gen non è così immediata. Certo, la grafica Xbox One-PS4 è superiore rispetto a quella X360-PS3, ma per avere uno stacco maggiore bisognerà aspettare probabilmente il prossimo anno. Ad ogni modo la qualità è eccezionale, graficamente parlando. Oltre alle texture anche la fisica è ben rispettata, ma su questo aspetto il punto di partenza era già buono. Ottima l’aggiunta dei segnalatori che distinguono tra nemici e compagni che se da un lato rende meno realistica la battaglia sul campo, dall’altro consente di sapere sempre dove si trovano i nemici ed evitare di impallinare i propri amici.

La trama è, come sempre, coinvolgente. Questa volta siamo alla guida di una squadra di infiltrati dell’esercito americano che deve indagare, guidata da una base navale, su un possibile colpo di Stato in Cina. Ci troveremo così coinvolti in giochi di potere e spionaggio al limite della guerra mondiale tra Stati Uniti, Cina e l’immancabile Russia. Mentre si gioca, il gameplay è fluido e piacevole. Il problema principale però è che la longevità è molto scarsa. La storia dura talmente poco che quando finalmente vi state facendo un’idea della situazione, il gioco finisce. È possibile acquistare il titolo il venerdì e riportarlo al negozio il lunedì successivo perché la longevità raggiunge scarse le quattro ore.

Il tutto per favorire il comparto online che è ben fatto, molto vario e fantasioso. Solo che anche questo è molto simile a quello di Call of Duty. Anzi, se nella modalità campagna i due giochi si assomigliano parecchio, in questo caso sono proprio identici. Tirando le somme si può dire che Battlefield 4 è un videogioco da noleggiare o da prendere in prestito per chi preferisce giocare in single player, mentre per gli amanti del multiplayer online è un must.

PERCHÉ COMPRARLO: ottima grafica, molto divertente e coinvolgente.
PERCHÉ NON COMPRARLO: poco longevo. Se avete già comprato Call of Duty è un doppione.

VOTO CRITICA: 81/100 (PC), 86 (PS4), 79 (X360), 80 (PS3), 81 (XOne)
VOTO UTENTI: 6/10 (PC), 6,5 (PS4), 5,6 (X360), 5,8 (PS3), 6,4 (XOne)

VOTO MINFORMO: 8/10

Foto: Battlefield 4 su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

lego gli incredibili

LEGO: Gli Incredibili, trucchi e codici per sbloccare i personaggi

Codici, mattoncini speciali e tanto altro: tutti i segreti di LEGO: Gli Incredibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.