Home / Attualità / Politica / Il programma di Rivoluzione Civile, la legalità prima di tutto

Il programma di Rivoluzione Civile, la legalità prima di tutto

rc ingroia

Rivoluzione Civile è il movimento che fa capo all’ex pm Antonio Ingroia che, anche se si colloca idealmente a sinistra, si può far rientrare tra i partiti non allineati dato che non è alleato con il PD e SEL, ma si presenterà da solo alla Camera e al Senato. Al suo interno ci sono tutta una serie di rappresentanti di vecchi partiti (IDV, Verdi, Comunisti non in SEL, ecc.) uniti con un unico obiettivo: riportare la legalità nel Parlamento ed in Italia. Andiamo a vedere il loro programma elettorale.

Naturalmente il primo punto programmatico non poteva essere altro che il rispetto per la legalità. Uno strumento può essere il ripristino del falso in bilancio, un altro la risoluzione del conflitto d’interessi. Ma per legalità non ci si riferisce solo al rispetto della legge, ma anche al concetto di solidarietà, di Stato laico che riconosca tutte le differenze di genere, e soprattutto una politica antimafia seria. Conoscendo bene questo campo, Ingroia ha bene in mente le leggi che servirebbero per colpire la mafia una volta per tutte e non soltanto arrestando qualche affiliato davanti alle telecamere per far vedere che si sta facendo qualcosa.

Ma non c’è solo questo nel programma di Rivoluzione Civile. Molta attenzione c’è ad esempio sul tema dell’istruzione, con investimenti e miglioramenti della scuola pubblica, ed il principio di una sanità pubblica accessibile a tutti. Dal punto di vista dell’economia e del lavoro l’idea è di mettere al centro il rispetto dell’ambiente nelle pratiche di produzione, la salute dei lavoratori ed il ripristino delle tutele per i dipendenti. Per rilanciare l’economia anche secondo Ingroia l’arma migliore che ha l’Italia è la cultura.

Altri punti chiave del programma sono:

  • stop alle spese militari;
  • riduzione delle tasse e della burocrazia per l’impresa;
  • uscita dei partiti dagli affari pubblici, in primis dalla RAI;
  • riforma elettorale (voto di preferenza ed incandidabilità dei condannati e rinviati a giudizio per reati gravi).

Fonte: Rivoluzione Civile
Foto: Rivoluzione Civile su Facebook

 

Potrebbe interessarti anche:

liberi e uguali

Liberi e Uguali: il programma per le elezioni 2018

Il lavoro è il principale punto del programma di Liberi e Uguali: i dettagli nella dichiarazione d'intenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.