Home / Attualità / Economia e Risparmio / Milleproroghe e Salvaroma, tutti i provvedimenti della notte

Milleproroghe e Salvaroma, tutti i provvedimenti della notte

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

finanziamenti

Il Governo ha evitato lo spauracchio di dover restare a festeggiare il Capodanno in aula viste le minacce del Movimento 5 Stelle di portare alla lunga la discussione sul Milleproroghe ed il decreto Salvaroma. La riunione di questa notte dovrebbe aver risolto gli ultimi problemi e chiuso definitivamente il 2013 di questa legislatura. Vediamo cosa cambia con questi due provvedimenti.

Sfratti: sono stati accolti gli inviti delle associazioni di cittadini ad aiutare quelle persone che hanno perso il lavoro o stanno subendo fortemente le conseguenze della crisi e che non ce la fanno più a pagare l’affitto. D’ora in avanti chi ha un reddito familiare sotto i 21.000 euro, malati, anziani, figli a carico o disabili in famiglia può chiedere una proroga dell’affitto di 6 mesi. La sospensione è concessa solo nei capoluoghi di Provincia o nei Comuni limitrofi superiori ai 10 mila abitanti, e per nuclei famigliari senza altri immobili intestati.

Affitti d’oro: gli affitti molto onerosi pagati dalle amministrazioni pubbliche possono essere rescissi senza pagare penali in qualsiasi momento entro il prossimo 30 giugno.

Web tax: rinviata a luglio l’entrata in vigore di questa legge, in modo da produrre una discussione più completa e far luce sugli evidenti profili di incostituzionalità.

Debito Roma: il debito contabile della Capitale (quasi 900 milioni di euro) viene ridotto di 115 milioni per i debiti precedenti e 20 milioni per adeguare la raccolta differenziata per un totale di 3 anni.

Antitrust: vietato l’incrocio stampa-tv per i proprietari che detengono il controllo di entrambe le cose. La norma comprende soltanto le testate o le emittenti di carattere nazionale.

Fondi UE: oltre 6 miliardi di euro dei fondi dell’Unione Europea assegnati all’Italia non erano ancora stati spesi. Per non perderli (c’era tempo fino al 31 dicembre 2013) il Governo ha istituito un fondo per aiutare le imprese (2,2 miliardi), uno per il contrasto alla povertà (300 milioni), aiuti all’economia locale (3 miliardi) ed un piano per favorire l’occupazione (700 milioni).

Lavoro: nei 700 milioni stanziati rientrano politiche per le assunzioni dei giovani, donne e anziani; provvedimenti per la ricollocazione dei disoccupati e riduzione del cuneo fiscale. Previsto anche l’avvio di alcune opere pubbliche.

Economia locale: nei 3 miliardi stanziati rientrano opere di rivalorizzazione dei centri storici, culturali e ambientali e promozione turistica.

Comuni: i Comuni sanzionati per non aver rispettato il patto di stabilità vedranno ridotte le sanzioni.

Mobili: il bonus-mobili precedente viene confermato e si specifica che vale per gli arredi in seguito ad una ristrutturazione.

Expo: stanziati 25 milioni per la Fiera milanese.

Sardegna: rinviati gli adempimenti fiscali 2013 nei Comuni alluvionati della Sardegna.

Navi: introdotta una “tassa di sbarco” fino ad un massimo di 2,50 euro a passeggero per gli sbarchi sulle isole minori per fini commerciali.

Tabacchi: incrementano le accise dello 0,7%.

Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments