Home / Sport / Calcio / Europa League 2013/2014, i sorteggi dei sedicesimi di finale

Europa League 2013/2014, i sorteggi dei sedicesimi di finale

europa league

Si sono appena conclusi i sorteggi dell’Europa League 2013/2014 per i sedicesimi di finale. L’Italia era rappresentata da ben 4 squadre, e va detto che l’urna è stata piuttosto benevola con i nostri club. Il destino si è divertito a pescare nuovamente la Juventus contro una squadra turca, il Trabzonspor, squadra che comunque non ha la stessa classe del Galatasaray. Ad ogni modo i bianconeri restano comunque i favoriti.

Evitati tutti gli spauracchi come Tottenham e Valencia, le altre squadre italiane hanno pescato ancora meglio. Al Napoli è capitata la squadra inglese dello Swansea, club che quasi per caso si è trovato in questa competizione e che, nonostante la nazionalità, non può destare grossissime preoccupazioni; la Fiorentina è stata sorteggiata con i danesi dell’Esbjerg, alla Lazio sono capitati i bulgari del Ludogorets, tutte squadre con scarsa storia internazionale e ben poche chance di passare il turno. Questi tutti gli accoppiamenti dei sedicesimi di finale:

  • Dnipro – Tottenham
  • Betis – Rubin Kazan
  • Swansea – Napoli
  • Juventus – Trabzonspor
  • Maribor – Siviglia
  • Viktoria Plzen – Shakthar Donetsk
  • Chernomorets – Lione
  • Lazio – Ludogorets
  • Esbjerg – Fiorentina
  • Ajax – Salisburgo
  • Maccabi Tel Aviv – Basilea
  • Porto – Eintracht Francoforte
  • Anzhi – Genk
  • Dinamo Kyev – Valencia
  • Paok – Benfica
  • Slovan Liberec – Az

Meno benevola è invece stata l’urna del turno successivo. Secondo gli accoppiamenti degli ottavi di finale infatti, se le squadre italiane dovessero passare il turno incontrerebbero rispettivamente la Lazio la vincitrice di Dinamo Kyev – Valencia; il Napoli chi vince tra Porto e Eintracht Francoforte; mentre Juventus e Fiorentina potrebbero ritrovarsi l’una contro l’altra.

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.