Home / Sport / Calcio / Europa League 2013/2014, il quadro delle qualificate ai sedicesimi

Europa League 2013/2014, il quadro delle qualificate ai sedicesimi

juan cuadradoL’ultima giornata di Europa League rispecchia l’andamento del campionato attuale, almeno per quanto riguarda le italiane. La Fiorentina che sta facendo un ottimo torneo e che in Europa League sembra una delle squadre più in forma, chiude con la vittoria, forte anche di quasi tutta la squadra titolare schierata contro il Dnipro nonostante la qualificazione fosse già in tasca. Evidentemente Montella ci teneva ad arrivare come primo del girone, e così è stato grazie alle reti di Joaquin e Cuadrado.

Lo stesso non si può dire della Lazio che, seppur non si risparmia negli uomini, non va oltre lo 0-0 contro il Trabzonspor che costringe la squadra di Petkovic al secondo posto. Poco male comunque visto che adesso l’Italia è la nazione più rappresentata in Europa League con ben 4 squadre, peraltro tutte tecnicamente molto preparate.

Negli altri gironi ci sono state delle sorprese. La più eclatante riguarda il PSV Eindhoven che incredibilmente perde in casa contro la sorpresa di quest’anno, il Chernomoretz di Odessa, squadra ucraina alla prima esperienza a questi livelli. Agli olandesi sarebbe bastato un pari per passare come secondi, ed invece escono dalla competizione. Peraltro in un girone vinto da un’altra sorpresa, il Ludogorets. Fuori dai giochi anche gli inglesi del Wigan che perdono anche l’ultima partita contro il Maribor e si fanno così scavalcare al secondo posto, finendo addirittura ultimi. Restano fuori dai giochi anche i portoghesi del Pacos de Ferreira, i francesi del Bordeaux e i tedeschi del Friburgo che perdono in casa l’ultima partita quando ormai avevano la qualificazione in tasca.

Il regolamento dice che adesso per stabilire gli accoppiamenti per il sorteggio per i sedicesimi di finale si formeranno due urne, una delle teste di serie composte dalle vincitrici dei 12 gironi più le migliori quattro squadre che provengono dalla Champions League, contro le seconde classificate più le altre quattro squadre. I club della stessa nazione, almeno in questo turno, non si possono incontrare, così come non si possono incontrare club che sono usciti dallo stesso girone. In questo modo rientrano nel gruppo delle teste di serie Fiorentina e Napoli, mentre nell’altro Juventus e Lazio. Ecco tutti i possibili incroci.

Sia la Fiorentina che il Napoli rischiano di pescare per il prossimo turno l’Ajax e il Porto, le due squadre senza dubbio più pericolose. Meno difficili sono Chernomorets, Viktoria Plzen (con cui il Napoli ha un conto aperto dallo scorso anno), Esbjerg o Maribor. Le altre squadre che si potrebbero pescare sono Anzhi, Real Betis, Dnipro, Dinamo Kyev, Paok, Slovan Liberec e Swansea City.

Il pericolo principale per Juventus e Lazio è rappresentato dal Tottenham, vero spauracchio del gruppo delle teste di serie. Molto pericolose sono anche Benfica e Valencia, e non sono da sottovalutare nemmeno Lione e Siviglia, club che in Europa League hanno sempre dato del filo da torcere a chiunque. Gli accoppiamenti migliori in questo caso avverrebbero con il Ludogorets, l’Az o il Genk. Gli altri club che possono essere accoppiati alle italiane sono Basilea, Eintracht Francoforte, Rubin Kazan, Salisburgo, Shakhtar Donetsk e Trabzonspor.

I sorteggi si terranno lunedì prossimo.

Foto: Cuadrado su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.