Home / Attualità / Persona dell’Anno 2013 per il Time è papa Francesco

Persona dell’Anno 2013 per il Time è papa Francesco

papa francesco

C’era da aspettarselo, dopotutto era lui il favorito: papa Francesco è la persona dell’anno 2013 secondo il Time. Il prestigioso settimanale americano che ogni anno “premia” chi ha impresso il marchio del proprio lavoro sui 12 mesi appena trascorsi ha “incoronato” il nuovo pontefice per aprire l’anno 2014. Il motivo per cui è stato scelto tra i cinque candidati (tra i quali politici e gente comune) è che ha cambiato il modo di concepire la Chiesa, rendendola più vicina alla gente. Anche a chi è di un’altra fede. Queste le motivazioni:

il Papa della gente ha preso il nome di un umile santo, poi ha lanciato un’appello per una chiesa di riconciliazione. È il primo Papa non europeo da 1.200 anni che si avvia a trasformare il Vaticano, un luogo che misura il cambiamento in secoli. In meno di un anno Papa Bergoglio ha fatto una cosa notevole: non ha cambiato solo le parole, ha cambiato la musica.

Il riferimento è a tutti quei temi che per i suoi predecessori erano dei tabù e che lui, cambiando il modo di trattarli, ha permesso un cambiamento di visione a livello mondiale. Parliamo dei temi come l’omosessualità, il divorzio, ma anche la corruzione della politica e l’evasione fiscale. Soprattutto il suo operato ha sorpreso perché gli omosessuali e i divorziati ad esempio in precedenza erano visti quasi come il diavolo, persone lontane dai dettami cristiani e quindi da tenere il più distanti possibile. Verso di loro papa Francesco ha mostrato misericordia e li ha accolti nella Chiesa.

I suoi gesti non vanno interpretati solo dal punto di vista religioso. Includendo quelle categorie che una volta rimanevano escluse, il papa riesce ad includerle anche nella società, a farle accettare maggiormente rispetto al passato. Una vera rivoluzione specialmente per quanto riguarda l’omosessualità. Ma le sue battaglie non finiscono qui. Non vanno dimenticate quelle ambientali contro il riscaldamento globale, il fracking e i suoi appelli al “rispetto del Creato”, ma anche le sue richieste di perdono agli immigrati che molto spesso perdono la vita per cercare di raggiungere l’Europa. Insomma, è vero che papa Francesco è il capo della Chiesa, ma con le sue esternazioni ha influenzato, e non poco, anche la politica internazionale. Per questo si è meritato il titolo di personaggio dell’anno.

Potrebbe interessarti anche:

congedo di paternità

Congedo di paternità: come funziona in Italia e all’estero

Due giorni in Italia, 90 in Svezia, zero in Francia: Paese che vai, congedo parentale che trovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.