Home / Attualità / Economia e Risparmio / Leasing auto, come funziona e quanto conviene

Leasing auto, come funziona e quanto conviene

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

auto in leasing

Il leasing è una forma di locazione (o affitto) che esiste nell’ordinamento italiano da diversi decenni. Per semplificare si può affermare che sia una forma di noleggio di un bene per il quale viene pagato un affitto mensile e che poi, alla scadenza del contratto, può essere riscattato dal contraente, pagando la quota rimanente (prezzo meno quanto si è pagato fino a quel momento), oppure può essere restituito, senza però ricevere i soldi indietro né pagare penali.

In Italia la forma più comune di leasing riguarda le automobili. Essa si pone a metà tra il comune noleggio ed un acquisto in quanto consente di pagare una somma mensile come un noleggio, ma di acquistare il mezzo alla fine del periodo di leasing. Per poter ottenere un leasing bisogna avere un’azienda o società commerciale in quanto questa forma di contratto è prevista per quelle attività lavorative che necessitano di mezzi sempre nuovi, senza pesare eccessivamente sui bilanci in quanto un acquisto di un veicolo nuovo ogni 1-2 anni può costare davvero tanto. Possono accedere anche i privati, a determinate condizioni.

Ma come funziona il leasing di un’auto? Prima di tutto bisogna trovare banche o finanziarie che hanno convenzioni con una società di leasing, ovvero un’azienda che si occupa espressamente di concedere dei veicoli in leasing. Una volta trovato l’accordo sul modello e sul prezzo, avviene una sorta di passaggio di proprietà, ovvero il locatario, colui che prende l’auto in leasing, diventa il responsabile del mezzo, e i suoi dati finiscono sul libretto di circolazione.

La figura del locatario è spesso ricoperta da imprenditori o delegati delle società, ma può esserlo anche un privato che dimostri il fine lavorativo del contratto di leasing (ad esempio un rappresentante). Il contratto ha una durata temporale (di solito fino ad un massimo di 5 anni), oppure di percorrenza. Si inizia con una prima rata, di solito più grande delle altre, e poi si prosegue con rate mensili sempre fisse. Come detto, alla scadenza del leasing, si può decidere di riscattare l’auto oppure di non farlo.

Essenzialmente esistono due tipologie di contratto leasing: finanziario (il locatario si accolla tutte le spese dell’auto, compresa manutenzione e assicurazioni) oppure full leasing (le spese le paga la società, ma la rata mensile è maggiore).

Vantaggi del leasing

I vantaggi principali riguardano la possibilità di cambiare l’auto mediamente ogni 2-3 anni, non preoccuparsi della svalutazione e, in caso di full leasing, nemmeno di assicurazioni, bolli, cambi pneumatici e tutte le spese accessorie che riguardano i possessori comuni di automobili. Altri vantaggi sono di natura fiscale, ovvero la possibilità di dedurre il costo del leasing per il 20%, comprese anche le spese accessorie come la benzina, i caselli autostradali e così via. A questa si aggiunge la deducibilità IVA per il 40% più il 70% dei costi per uso promiscuo dei dipendenti. In alcuni casi la deducibilità è totale. Infine l’ultimo vantaggio è che si può ottenere un’auto pagandola praticamente a rate senza bisogno di prestiti, solo con maxi rata iniziale e finale più alte.

Svantaggi del leasing

Per i privati non sono previste agevolazioni fiscali. Lo svantaggio principale è però il dover pagare degli interessi. Mediamente questi ammontano intorno al 10%, quindi facendo l’ipotesi di acquisto di un’auto che costa 30 mila euro dopo il leasing, è come se nel complesso l’auto fosse costata 33 mila euro. Per la formula che prevede il pagamento da parte della società delle spese accessorie, la rata è più alta, ed in questo modo infine non si avrà mai la possibilità di avere un’auto di proprietà, a meno di non riscattarla alla fine.

Prezzi

E concludiamo con il costo. Per stabilire il costo del leasing vanno tenute in considerazione alcune variabili. Queste sono:

  • Maxi rata iniziale
  • Numero di rate
  • Interessi
  • Maxi rata finale

Il prezzo va calcolato sulla base del valore commerciale di un’auto, senza alcun tipo di sconto. Se ad esempio un’auto vale 20 mila euro, si può decidere insieme alla società di leasing il prezzo della maxi rata iniziale (può essere sui 2-3 mila euro circa); la percentuale della maxi-rata finale (ad esempio il 20%, quindi 4000 euro), e la cifra rimanente si divide in base al numero di mesi di durata del leasing. Al numero prodotto vanno aggiunti gli interessi che vengono stabiliti dalla finanziaria. Diventa dunque conveniente, per chi non ha intenzione di riscattare l’auto, di porre la rata finale il più alta possibile per dover pagare le rate mensili più basse; se invece si ha intenzione di riscattare l’auto, è conveniente tenere le maxi-rate basse ed effettuare un contratto molto lungo in modo da spalmare su più rate l’intero importo dell’auto.

Foto: Thinkstock

11 commenti

  1. Salve vorrei sapere se aprendo una attività nuova, quindi senza ancora un fatturato, posso chiedere un leasing?

  2. Salve, scusate la domanda ma volevo cortesemente sapere cosa devo fare per quanto riguarda l’acquisto di un auto usata con il Leasing. Ad esempio se io non ho ancora un lavoro, ma ho i genitori che sono proprietari di azienda agricola e vorrei comprare un’audi a5 usata con il Leasing, potrei farlo? O sarei oggetto di controlli e sansioni fiscali da parte della finanza? Grazie anticipatamente per la risposta.

  3. Sono un dipendente di un azienda privata(quindi niente partita Iva) è possibile accedere anche per me a un auto a leasing che voi sappiate?

    • ciao Giuseppe. Non ne sono completamente sicuro, ma credo di no perché il contratto di leasing si fa con la partita Iva. Forse qualche azienda che lo fa anche ai privati può darsi che esista, non te lo saprei dire, ti conviene contattare quelle più vicine a te per esserne certo.
      Saluti

  4. Il leasing viene fatto ugualmente a persone denominate cattivi pagatori?

  5. FARRIS GIANNICOLA

    Salve e scusate la domanda, ma per quanto riguarda l’acquito di un auto usata con un leasing, il passaggio di proprieta come funziona? o meglio sono 2 i passaggi di proprieta?perche questa cosa non e’ molto chiara.
    per esempio,su un preventivo auto che ho richiesto presso la conce, nel totale era compreso anche il passaggio di proprieta,ma la non mi quadra, perche cosi, volendo riscattare l’auto lo pago un’altra volta.
    Cioe’ pago quello che e’ compreso nel leasing e quello per il riscatto.
    Potete chiarirmi la cosa, grazie

    Cordiali saluti

  6. Noleggio a Lungo Termine o Leasing?

    Cosa consigliate tra le due modalità? Noleggio a lungo termine o leasing? Molto utili le informazioni che avete fornito sul leasing. Per un privato è conveniente il noleggio lungo di una vettura?

    • ciao, a mio avviso il noleggio è utile solo per breve tempo. Se ho bisogno di un’auto per pochi giorni, una settimana o due, la noleggio. Se volessi un’auto da tenere in garage per due anni, sarebbe meglio il leasing perché poi posso riscattarla e non perdere l’importo che ho versato tutti i mesi. Spero di esserti stato utile, ciao.

    • Prefirei il leasig che un noleggio per problemi di furto nella mia zona e sono amche un colaboratore di un auto noleggio

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments