Home / Attualità / Politica / Legge elettorale, ancora uno stop: ecco le posizioni dei partiti

Legge elettorale, ancora uno stop: ecco le posizioni dei partiti

elezioni presidente della repubblica

Napolitano chiama ma il Parlamento non risponde. Si blocca di nuovo l’iter sulla legge elettorale dopo che in commissione ieri sera non si è raggiunto il numero sufficiente per far passare la proposta PD. Servivano almeno 13 voti a favore, ma la conta si è fermata a 11, ovvero i voti proprio del PD, più SEL e Scelta Civica. I 10 del PDL e della Lega hanno votato contro mentre i 4 di 5 Stelle e Autonomie si sono astenuti. Morale della favola: ancora l’ennesimo rinvio. Questa volta è stato chiesto solo per una settimana, ma non sembra ci siano prospettive per far salire questo numero di altri due voti. Ma quali sono le proposte?

Proposta PD: il Partito Democratico, pur senza la completa condivisione dell’intero partito, chiede una legge elettorale sullo stile di quella francese. In sostanza si inserisce il concetto di doppio turno: si va alle elezioni normalmente ma poi i due partiti che hanno ottenuto più voti vanno al ballottaggio, a meno che uno dei due non abbia preso più del 51% dei voti. All’interno del PD c’è però l’ala renziana che a breve presenterà una sua proposta sul modello dell’elezione dei sindaci, ovvero vince chi prende più voti e solo in caso di pareggio si va al ballottaggio. Inoltre chi vince prende i 2/3 dei seggi. Con la proposta PD concordavano anche Sinistra Ecologia e Libertà e Scelta Civica.

Proposta PDL: il Pdl attualmente è talmente diviso da non aver proposto una vera legge elettorale. Al partito di Berlusconi sembrerebbe andar bene il Porcellum, ma al massimo punta a ridurre da due ad uno i giorni di votazione.

Proposta M5S: i grillini invece propongono un sistema alla spagnola modificato, cioè un sistema proporzionale che però preveda la possibilità di inserire le preferenze.

Proposta Lega Nord: i leghisti invece preferivano tornare al Mattarellum, ovvero il vecchio sistema elettorale. In questo caso vengono reintrodotte le preferenze ed il sistema è maggioritario per il 75% e proporzionale per il restante 25%. Alla fine dei conti è molto probabile che sia questo il sistema che verrà utilizzato visto che anche i partiti di sinistra pensano di inserire una clausola secondo la quale, se entro le prossime elezioni non si sarà trovato l’accordo su una nuova legge, si torni a quella precedente.

Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

Fratelli d'Italia

Fratelli d’Italia: il programma elettorale 2018 della Meloni

Dalla famiglia all'immigrazione, dal lavoro al welfare, i punti principali del programma di Fratelli d'Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.