Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Gabinetti ecologici, la nuova trovata dell’Unione Europea

Gabinetti ecologici, la nuova trovata dell’Unione Europea

wc ecologico

Nella vita odierna siamo abituati a vedere il suffisso “ecologico” davanti a tutto. Stile di vita ecologico, cibo ecologico, auto ecologica, elettrodomestici ecologici, e d’ora in avanti anche gabinetti ecologici. È questa la nuova trovata dell’Unione Europea che può far bene al nostro portafoglio (poco a dir la verità) e all’ambiente (tanto). Non si tratta di wc standard, nessuno chiederà mai alla popolazione dell’Europa a 27 di utilizzare tutti la stessa tavoletta, ma di una misurazione del consumo di acqua.

Come accade ad esempio con un frigorifero che ha l’etichettatura sull’efficienza energetica (classe A, classe B e così via), anche i gabinetti presto ce l’avranno.

Non ci sarà nessuno standard unico per gli scarichi dei wc da parte dell’Unione europea, ma etichette che indicheranno il consumo di acqua. Non abbiamo alcun tipo di piano per regolare gli sciacquoni o il consumo di acqua dei wc. Ciò che faremo è aiutare a stabilire dei criteri che potranno essere utilizzati per realizzare uno schema di consumo di acqua da applicare su base volontaria, in modo che il consumatore che vorrà risparmiare acqua potrà fare riferimento a queste etichette.

Da questa dichiarazione ufficiale si intuisce la strategia. In sostanza i nuovi water in commercio avranno attaccata un’etichetta, come quella degli elettrodomestici, che indica se il sanitario si può considerare ecologico, ed in che grado. Secondo i calcoli dei cervelloni che hanno partorito quest’idea, se il 10% delle famiglie europee utilizzasse i gabinetti ecologici, quelli cioè con un minimo utilizzo di acqua, il risparmio sarebbe quantificabile in 390 milioni di euro l’anno. Pensate se l’intera popolazione europea li utilizzasse.

Anche altri Paesi europei stanno prendendo iniziative simili per contrastare lo spreco d’acqua. C’è chi, come Francia e Portogallo, ha vietato che la capienza degli scarichi possa superare i 6 litri, chi invece come il Regno Unito ha stabilito standard anche per gli orinatoi pubblici. Insomma, a prescindere dalla facile ironia che si può fare su questo tema, ancora una volta l’UE è riuscita a trovare un modo per trasformare la nostra vita, facendola diventare un po’ più…ecologica.

Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

smaltire rifiuti elettronici

Smaltire rifiuti elettronici: come funziona l’uno contro zero

Come cambia la legge da 1 contro 1 a uno contro zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.