Home / Attualità / Politica / Abolizione delle Province potrebbe saltare…di nuovo

Abolizione delle Province potrebbe saltare…di nuovo

italia

Ormai gli italiani non ricordano più quand’è stata la prima volta in cui un politico ha promesso di abolire le Province. All’incirca la prima promessa fu fatta nel 1947 quando, con la costituzione delle Regioni, le Province furono dichiarate inutili e si annunciò di volerle abolire. Ma il piatto ricco della politica “di mezzo” fa troppo gola ai partiti, e così per oltre sessant’anni questo è rimasto uno dei temi mai veramente affrontati. In tempi recenti ci hanno provato prima Monti e poi Letta a tagliarle, ma ancora una volta questo tentativo sembra destinato a cadere nel vuoto.

L’allarme lo lancia Graziano Delrio, Ministro per gli Affari Regionali, che ieri sera è stato molto chiaro: se non si fa entro un mese non si fa più. Per realizzare l’abolizione delle Province c’è bisogno di una semplice legge, già denominata Svuota Province, che di fatto toglie i poteri a questo organo inutile per distribuirli alle Regioni, ai Comuni e alle assemblee dei Comuni. Come afferma lo stesso Delrio, i dipendenti delle Province non dovranno preoccuparsi perché non perderanno il loro posto di lavoro, ma si risparmieranno circa 110 milioni subito e 2 miliardi entro un anno sugli stipendi inutili dei presidenti di Provincia, vicepresidenti e collaboratori vari.

Insomma, un provvedimento che fa bene al Paese e non alla politica. Per questo non si farà mai. Secondo il calendario infatti, entro la prossima primavera si rinnoveranno l’80% degli organi provinciali italiani. Non c’è occasione migliore per abolirli. Se però il disegno di legge venisse presentato ed approvato prima, non ci sarebbe nessuna elezione. Ma si sa, i tempi del Parlamento sono lunghi, e così secondo Delrio il termine ultimo per presentare tale ddl è metà dicembre. Se per allora non si facesse in tempo, c’è il rischio che un’iter troppo lungo sfori a 2014 inoltrato. E se venissero indette ufficialmente le elezioni, una volta rieletti i presidenti di Provincia non sarà più possibile destituirli.

Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

Fratelli d'Italia

Fratelli d’Italia: il programma elettorale 2018 della Meloni

Dalla famiglia all'immigrazione, dal lavoro al welfare, i punti principali del programma di Fratelli d'Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.