Home / Ambiente / Clima / Riscaldamento globale, le conseguenze previste dall’IPCC

Riscaldamento globale, le conseguenze previste dall’IPCC

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

riscaldamento globale

Fame, povertà, guerre, alluvioni, ondate di calore, malattie e siccità. Questo e tanto altro è ciò che si prevede possa accadere al nostro pianeta di qui alla fine del secolo secondo le previsioni dell’IPCC o Intergovernmental Panel on Climate Change, il pannello di esperti del clima formato dalle Nazioni Unite per scoprire la verità sul fenomeno del riscaldamento globale. Il mese scorso il panel aveva dichiarato concluse le sue ricerche ed anticipato non solo che i mutamenti climatici sono reali, ma anche che a causarli è stato l’uomo. Adesso arriva qualche dettaglio in più.

Lo studio completo verrà pubblicato non prima di marzo, ma cominciano a trapelare alcuni importanti dettagli. Ma com’è possibile che si arrivi a tutto questo? Secondo gli scienziati, gli effetti immediati del riscaldamento globale come alluvioni e ondate di calore porteranno ad un impoverimento della terra e di conseguenza delle persone che da essa dipendono. Le condizioni di vita così peggioreranno, lasciando aperta la porta a fame, povertà e malattie.

Le persone che non accetteranno questa situazione cercheranno di emigrare, e questo esodo comporterà scontri tra popolazioni per le risorse rimaste a disposizione. Da qui guerre e tutto ciò che ne consegue. Come spiega Chris Field, climatologo della Carnegie Institution ed uno dei principali autori dello studio, la Terra ha già mostrato i primi effetti del cambiamento del clima, ed altri ne vedremo in futuro.

Nel 21esimo secolo l’impatto del riscaldamento globale rallenterà la crescita economica e la riduzione della povertà, eroderà la sicurezza alimentare e darà vita a nuove trappole della povertà. Il cambiamento climatico esacerberà la povertà nei Paesi a basso e medio reddito, creando sacche di disuguaglianza nei Paesi più ricchi

conclude lo scienziato. Stando alle previsioni, tutto ciò porterà ad un vero e proprio collasso di alcuni ecosistemi terrestri e marini. Più specificatamente, in Nord America l’effetto principale riguarderà incendi e ondate di caldo, in Europa e Asia invece il riscaldamento globale si farà sentire con la siccità. In Africa invece la fame e le epidemie saranno ancora più acuite rispetto ad oggi. Lo sappiamo che sembra uno scenario da film di fantascienza, e vorremmo davvero che lo fosse. Ma è ciò che accadrà realmente se non faremo nulla per impedirlo, e l’unico modo per impedirlo è smetterla di inquinare.

Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments