Home / Sport / Calcio / Inter, il socio Roeslani ha un debito di 148 milioni di euro

Inter, il socio Roeslani ha un debito di 148 milioni di euro

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

inter roeslani

A pochi giorni dalla chiusura dell’affare con l’Inter, con il passaggio di proprietà della squadra nerazzurra nelle mani dei soci indonesiani, si scoprono i primi altarini. Nei mesi scorsi la stampa si è concentrata sulla figura di Thohir per cercare di scoprire chi fosse e se ci si potesse fidare dopo le tante delusioni derivanti dai vecchi miliardari che dicevano di voler comprare le squadre italiane, per poi non concludere mai l’affare. Peccato che ci si è dimenticati del braccio destro di Thohir, Roeslan Roeslani.

Non l’hanno fatto i media britannici che Roeslani lo conoscono bene. L’imprenditore indonesiano, che è stato fondamentale con il suo apporto per concludere positivamente la trattativa tra Thohir e Moratti, ha infatti un passato burrascoso in Gran Bretagna. Lì, fino a qualche anno fa, era uno dei massimi dirigenti della Bumi, una multinazionale che agisce nel settore minerario. Improvvisamente l’indonesiano sparì nel nulla, e con lui anche circa duecento milioni di dollari (148 milioni di euro) spariti dalle casse della controllata Berau Coal di cui lui era l’amministratore delegato. Come se non bastasse la dirigenza scoprì che la Berau aveva fatto registrare quell’anno una perdita di oltre 2 miliardi di dollari e che non tutti i contratti risultavano in ordine.

Dopo la notizia la Bumi sospese la sua quotazione in Borsa e furono avviate le indagini, ma di Roeslani e dei 200 milioni nessuna traccia. Fino alla trattativa con l’Inter che è arrivata fino in Inghilterra. Immediatamente i tabloid si sono subito scatenati, e l’indonesiano si è ritrovato con più di un imbarazzo da risolvere. A suo dire comunque ora è tutto risolto. Pur sottolineando che la trattativa con l’Inter e la situazione con la Bumi non c’entrano assolutamente nulla, Roeslani si sta impegnando per risolverle entrambe.

Stando alle notizie che giungono dall’Inghilterra, sembra che l’uomo d’affari si sia accordato con l’azienda per la restituzione del maltolto, ma solo in parte, circa 123 milioni di euro, e senza l’ammissione delle colpe a lui attribuite. Il versamento dovrebbe avvenire entro il prossimo 26 dicembre, ma certamente si tratta di un precedente che non fa piacere ai tifosi nerazzurri. Considerando che Roeslani dovrebbe assumere in società proprio il ruolo di amministratore delegato, chi li garantisce che non possa ripetere lo stesso colpo?

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments