Home / Sport / Calcio / Champions League, risultati 2a giornata: le italiane stentano

Champions League, risultati 2a giornata: le italiane stentano

ozil arsenalLa Champions League comincia ad entrare nel vivo, e le italiane purtroppo arrancano. Dopo la buona partenza di due settimane fa, arriva la giornata più negativa possibile. Juventus e Milan sfiorano la sconfitta ma alla fine portano a casa un punto, il Napoli invece la sconfitta la prende in pieno volto. Ma andiamo a vedere, girone per girone, com’è la situazione.

Gruppo A: il Manchester United suda tantissimo contro uno Shakhtar Donetsk in formissima, va in vantaggio per puro caso ma poi subisce il gol del pari nella ripresa e va vicino alla sconfitta in più di un’occasione. I Red Devils sono tutt’altro che temibili, ma alla fine riescono a strappare un punto e a rimanere al primo posto, proprio insieme agli ucraini. Si avvicina però il Bayer Leverkusen che vince con un gol al 92′ una gara giocata col cuore più che con le gambe.

Gruppo B: la Juventus domina la gara contro un Galatasaray tutto nuovo, sia nel modulo che nell’allenatore. Ma quella che non cambia è proprio la Juve che come sempre fa un possesso palla al livello del Barcellona, ma ogni tiro in porta subisce un gol. Vanno in vantaggio i turchi grazie ad un errore di Bonucci che di fatto regala l’assist a Drogba. La rimonta è tutta d’orgoglio ed è firmata Vidal-Quagliarella, ma a due minuti dal novantesimo l’ennesima disattenzione difensiva regala il pareggio alla squadra di Mancini. Nell’altra partita tutto facile per il Real Madrid che prende a pallonate il Copenhagen e vince 4-0. Stavolta Wiland non compie il miracolo.

Gruppo C: un pezzo di Italia, trasferitosi al PSG, travolge il Benfica. Le invenzioni sono di Verratti, le reti di Ibrahimovic e Marquinhos. Il 3-0 per i francesi non ha storia e decide già chi sarà a vincere il girone. Anche l’Olympiakos vince 3-0 in casa dell’Anderlecht e ritorna in lizza per il passaggio del turno.

Gruppo D: il big match tra Manchester City e Bayern Monaco va ancora una volta ai tedeschi. Il City è pieno di campioni ma non è ancora una squadra. Cosa che invece il Bayern è, e si vede. Una grossa mano arriva da Ribery che sblocca la partita dopo appena 6 minuti. Da lì in poi è tutta discesa ed il City riesce ad evitare la figuraccia con un gol di Negredo a 10 minuti dalla fine. Ma nel frattempo il Bayern di gol ne aveva già segnati tre. Nell’altra combattutissima gara il CSKA Mosca ha la meglio contro il Viktoria Plzen 3-2, ma la partita sarebbe potuta davvero finire con qualsiasi risultato.

Gruppo E: il Chelsea passeggia sulla Steaua Bucarest e va a vincere 4-0 in Romania. Mattatore della serata in una partita che non c’è mai stata è Ramires, autore di una doppietta. In Svizzera invece Draxler salva ancora una volta lo Schalke 04 e permette di strappare i tre punti al Basilea, lasciando i tedeschi in vetta alla classifica.

Gruppo F: il Napoli conosce la prima cocente sconfitta della stagione. Arriva per mano di un Arsenal che al momento sembra una delle squadre più in forma d’Europa. Un grandissimo Ozil stende i partenopei che ancora in campo europeo devono fare strada. Il Borussia Dortmund si riprende dopo la sconfitta di due settimane fa e mostra tutti i limiti difensivi dell’Olympique Marsiglia, sconfitto 3-0.

Gruppo G: dopo aver battuto il Real in campionato, l’Atletico Madrid si ripete anche in Champions. Avversario stavolta è il meno temibile Porto che passa pure in vantaggio, ma prima Godin recupera e poi a tempo quasi scaduto Turan mette la freccia e permette il sorpasso. Primo storico punto dell’Austria Vienna incassato sul campo dello Zenit Sanpietroburgo.

Gruppo H: il Milan rischia tantissimo in casa dell’Ajax, ma alla fine riesce a strappare il pareggio. Gli olandesi giocano meglio, forti anche di una freschezza atletica che il Milan incerottato non ha, ma negli ultimi 10 minuti accade di tutto. Prima segnano i Lanceri ma poi, a tempo scaduto, l’arbitro concede un rigore generoso a Balotelli, ed è l’occasione per l’1-1 finale. Memore della figuraccia dell’anno scorso il Barcellona va sul campo del Celtic più attento, specialmente in difesa, e questa volta non lascia punti sul campo. Vince 0-1 con rete di Fabregas e prenota un posto agli ottavi.

Foto: Ozil su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.