Home / Attualità / Economia e Risparmio / Truffe assicurazioni auto, l’Ivass denuncia altre due società non autorizzate

Truffe assicurazioni auto, l’Ivass denuncia altre due società non autorizzate

truffe assicurazioni

L’Ivass colpisce ancora. L’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni ha scoperto altre due società non autorizzate alla produzione di RC Auto. Continuano dunque le truffe agli automobilisti che, attratti dal miraggio di poter risparmiare qualche centinaio di euro sull’assicurazione obbligatoria per la propria auto, si ritrovano di fatto con un pugno di mosche in mano.

Ciò che però stavolta fa più impressione è che si tratta di due Società per Azioni che, teoricamente, per poter entrare in Borsa dovrebbero essere sottoposte al controllo della Consob. Si tratta della Armoniosa S.p.A. e della Sogecap Assicurazioni S.p.A., due società che, fa sapere l’Ivass, non erano autorizzate ad emettere RC Auto sul territorio italiano.

Per la precisione la Sogecap ha sede in Francia ed è autorizzata ad effettuare in quel Paese delle transazioni simili. Ma non ha le autorizzazioni in Italia. Come non le ha nemmeno l’intermediario che per loro redigeva i contratti, la Star Auto di Giugliano in Campania, che risulta non iscritto nel Registro Unico degli Intermediari Assicurativi.

Per la legge entrambe risultano non rientrare “tra le imprese autorizzate o, comunque, abilitate all’esercizio dell’attività assicurativa nel territorio della Repubblica”. Confermata inoltre anche la mancanza di autorizzazione del sito playitalia.it che era già stato segnalato qualche settimana fa, il quale offre delle tipologie di assicurazioni temporanee considerate non legali.

Infine, conclude l’Ivass, è bene ricordare agli utenti che le assicurazioni stipulate con queste compagnie risultano nulle e che prima della sottoscrizione del contratti è bene controllare l’iscrizione dell’istituto consultando il sito ufficiale dell’Ivass.

Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

conguaglio bollette

Conguaglio bollette: è possibile non pagarlo, guida alla contestazione

Nonostante sia illegale, alcuni gestori continuano a mandare conguagli di oltre 2 anni: ecco come fare ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.