Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Smart City, il piano integrato di Jesi

Smart City, il piano integrato di Jesi

jesiinbici

Sempre più città italiane aderiscono all’idea di trasformarsi in una Smart City, e così al lungo elenco oggi se ne aggiunge un’altra, Jesi, in provincia di Ancona. La cittadina marchigiana ha appena lanciato un piano integrato per la mobilità sostenibile basato su una card multiuso. Il cittadino che la riceverà potrà così usufruire di tutti i servizi della Smart City per poter dare il proprio contributo all’abbatimento dell’inquinamento.

Punto centrale dell’iniziativa è la possibilità di muoversi in maniera sostenibile attraverso gli strumenti di condivisione, in particolare bike sharing e carpooling, senza dimenticare i mezzi per il trasporto pubblico. L’iniziativa, supportata dal progetto europeo Intermodal, dall’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano e dal project manager Marco Cardinaletti, serve anche ad educare i cittadini al rispetto dell’ambiente anche in città, attraverso le buone pratiche ambientali.

Ma come funziona il nuovo sistema di Jesi? I cittadini ricevono una card verde che gli permette di accedere più facilmente ai servizi cittadini come autobus, biciclette condivise e carpooling. Per facilitare ulteriormente gli spostamenti verrà realizzata una ciclovia ed anche il sistema ferroviario verrà implementato. Per incentivare al carpooling è stato realizzato il sito viaggiainsieme.it (associato al sito ufficiale del Comune di Jesi) dove gli utenti possono offrire o richiedere passaggi ad altri cittadini, ad esempio per andare al lavoro, a scuola o per altri servizi. Utilizzando il carpooling si eliminano tante macchine quanti sono i passeggeri nell’auto, riducendo così l’emissione di CO2.

Siamo molto felici di poter contribuire ad un progetto così lungimirante, avviato dall’amministrazione precedente. È importante che la diffusione di buone pratiche di mobilità sostenibile siano promosse prima di tutto dalle amministrazioni pubbliche, che hanno a loro volta il dovere di mettere a disposizione dei cittadini tutta la struttura per esercitarle. La creazione di una rete che permette a tutti di condividere biciclette e viaggi in carpooling è essenziale affinchè i cittadini possano comprendere quali vantaggi, per le proprie tasche, per la propria salute e per l’ambiente, questa possa dare

spiega Daniele Vallesi, responsabile di ViaggiaInsieme.

Foto: turismojesi.it

Potrebbe interessarti anche:

smartbike

Smartbike: il futuro della bicicletta è Volata?

Arriva la smartbike: un po' bici a pedalata assistita, un po' smartwatch e un po' intrattenimento da auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.