Home / Salute / Medicina / Ictus e vitamina B, gli integratori possono ridurre il rischio

Ictus e vitamina B, gli integratori possono ridurre il rischio

vitamina b e ictusIctus e vitamina B: che relazione c’è? Assumere integratori di vitamina B in alcuni casi può ridurre il rischio di ictus. A rivelarlo è un recente studio condotto dal professor Xu Yuming, della Zhengzhou University in Cina, e pubblicato sulla rivista Neurology. La ricerca riapre un tema controverso nella letteratura scientifica. Alcuni studi precedenti, infatti, sono giunti a conclusioni ben diverse, cioè che l’assunzione di integratori di vitamina B potesse addirittura aumentare il rischio d’insorgenza di un ictus o di un infarto.

La nuova meta-analisi ha riguardato i risultati di 14 studi clinici per un campione di persone complessivo di ben 55 mila individui. Tutti gli studi hanno comparato gli effetti degli integratori di vitamina B a quelli di un placebo e a quelli di dosi molto basse di vitamina B. I partecipanti ai diversi studi sono stati seguiti per un periodo minimo di almeno sei. Tra i 2.500 casi di ictus verificatisi in questo periodo, tutti mostravano qualche beneficio dall’assunzione di vitamina B.

Gli integratori di vitamina B si sono rivelati efficaci nel ridurre il rischio di ictus del 7%, anche se non hanno ridotto la gravità dell’ictus o il rischio di morte per ictus. I ricercatori hanno inoltre scoperto che l’acido folico, una forma supplementare dei folati, B9, comune nei cereali fortificati, sembra diminuire i benefici della vitamina B. Altra scoperta riguarda l’effetto della vitamina B12, risultata di nessun impatto sul rischio di ictus. Come ha illustrato il dottor Yuming:

Sulla base dei nostri risultati, la capacità della vitamina B di ridurre il rischio di ictus può essere influenzata da una serie di altri fattori, come il tasso di assorbimento del corpo, la quantità di acido folico o la concentrazione di vitamina B12 nel sangue, eventuali malattie renali o pressione alta.

Prima di iniziare ad assumere integratori, ha spiegato Yuming, è bene dunque consultare un medico. Gli ictus ischemici, spiegano gli esperti, possono avere diverse cause. Le più comuni sono l’ipertensione, l’obesità, il colesterolo alto, il diabete e il fumo. In alcuni casi può essere un deficit di alcune vitamine ed enzimi a provocare l’ictus. Ecco perché è bene monitorare e trattare eventuali carenze vitaminiche nei pazienti che hanno subito un ictus o sono soggetti a rischio.

Fonte: Vitamin B Supplements May Guard Against Stroke – WebMD
Foto: © Thinkstock

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

Graffio del gatto: quali malattie può trasmettere e come curarlo

Un gatto ti ha graffiato e sei preoccupato per la trasmissione di malattie? Niente paura! Scopri come medicare il graffio di un gatto e come riconoscere i sintomi di un'infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.