Home / Sport / Calcio / Champions League 2013/2014, Juve apre a Copenhagen, Napoli con i vice-campioni

Champions League 2013/2014, Juve apre a Copenhagen, Napoli con i vice-campioni

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

coppa campioni

La Champions League 2013/2014 comincia stasera, e si apre già con una super sfida per le italiane. È quella che vede di fronte la sorpresa di questo inizio di stagione, il Napoli, ed i vice-campioni d’Europa del Borussia Dortmund. Più semplici invece gli incontri della Juventus, impegnata a Copenhagen, e del Milan contro il Celtic domani. Ma vediamo come arrivano le italiane a questa sfida.

Cominciamo dal Napoli che mercoledì ha la gara più interessante. Benitez deve dimostrare che i suoi ragazzi, forti degli arrivi di campioni del calibro di Higuain, Callejon, Albiol e tanti altri, possono dire la loro anche in Europa. Finora in campionato hanno incontrato solo squadre di media classifica, e così questa è la prima vera prova della stagione. I partenopei avranno dalla loro anche il fattore campo, non da sottovalutare a questi livelli, e soprattutto il calore del tifo napoletano. Benitez sembra intenzionato a schierare la formazione titolare vista nelle prime due giornate, con un dubbio solo in difesa tra Cannavaro e Britos (il secondo è in vantaggio), ed in attacco dove si giocano una maglia da titolare Insigne e Pandev. Contro ci sarà il Borussia di Lewandovski che si sarà anche leggermente indebolito rispetto alla scorsa stagione, ma è sempre una delle squadre che giocano meglio in Europa.

Allo stadio di Copenhagen invece arriva la Juventus, la prima delle italiane a scendere in campo. È una fortuna che questa partita sia arrivata adesso, a metà settembre, perché se i bianconeri fossero andati in Danimarca a dicembre sarebbe stata tutta un’altra partita. Conte è consapevole che questa è un’occasione da non perdere visto che i danesi sono la “squadra materasso” del girone (le altre sono Real Madrid e Galatasaray), e quindi è molto importante partire con il piede giusto per poi non dover stare a fare i conti dopo. Vista la qualità degli avversari però, Conte è disponibile a fare qualche cambio per non rischiare i giocatori non al meglio. Così fuori Barzagli e Vucinic, dentro Ogbonna e Quagliarella, anche se nella ripresa potrebbe esserci spazio anche per Llorente.

Infine il Milan, in piena emergenza. Per fortuna i rossoneri incontrano il Celtic e non Barcellona o Ajax perché così Allegri può effettuare un po’ di esperimenti. Non ci sarà Kakà, infortunato, che ne avrà per almeno un mese. Ma guai fisici ci sono anche per Montolivo, Abate, El Shaarawy, Silvestre, Poli e gli infortunati di lungo corso. Insomma, bisognerà inventarsi qualcosa con gli uomini contati e che siano in grado di fare i conti con lo stadio di Glasgow che è uno dei più insidiosi d’Europa.

Le altre partite delle due serate sono altrettanto affascinanti. Gli juventini avranno le orecchie puntate verso Instanbul dove si disputerà l’altra partita del girone, mentre i napoletani dovranno guardare a Marsiglia dove l’Olympique affronta l’Arsenal. La sfida del Barcellona in casa contro l’Ajax invece sembra già a senso unico. Tra le altre gare spiccano le interessantissime Manchester United – Bayer Leverkusen del martedì e Atletico Madrid – Zenit di mercoledì.

Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments