Bike sharing di Roma, quanto costa e come funziona

di Onofrio Marco Mancini
1 commenti

bici roma

Roma tenta di rilanciare il suo bike sharing. Dopo la delusione degli ultimi anni quando il servizio è stato abbandonato a se stesso, adesso con la pedonalizzazione dei Fori Imperiali e con i futuri progetti che renderanno più difficile la vita degli automobilisti si spera di poter rilanciare l’utilizzo della bicicletta condivisa anche nella Capitale. Attualmente in tutta la città ci sono 80 stazioni che contengono circa 15 biciclette ciascuna. Utilizzarle è facile e le tariffe sono in media col resto d’Italia. Le bici sono facilmente riconoscibili perché sono di colore verde con la scritta “Roma Atac” in rosso.

Per poter utilizzare il bike sharing romano bisogna effettuare le ricariche come con il telefonino. Questa scelta è dovuta al tentativo di favorire la mobilità sulle due ruote anche dei turisti che non hanno necessità di avere un abbonamento annuale, ma vorrebbero spostarsi in bici solo nei pochi giorni che hanno a disposizione per la vacanza. Per poter accedere al servizio bisogna ottenere una tessera recandosi presso una delle biglietterie presenti nella Metro A e B alle fermate della Stazione Termini, Lepanto, Piazza di Spagna, Anagnina, Ottaviano, Cornelia, Battistini, Ponte Mammolo, Eur Fermi e Laurentina. Bisogna ricordarsi di presentare un documento d’identità ed il codice fiscale.

Una volta acquistata la tessera, basta avvicinarla alla colonnina della bicicletta e prelevare il mezzo che potrà essere riconsegnato nella stessa stazione o anche in un’altra della città che abbia posti liberi. L’importante è ricordarsi di ripassare la tessera sulla colonnina per fare in modo che la bicicletta resti agganciata. La durata massima del noleggio è di 24 ore e, se non si riesce a trovare una stazione libera, basta telefonare al numero 06.57003 ed un operatore indicherà la stazione disponibile più vicina. È possibile noleggiare la bicicletta a qualsiasi ora tutti i giorni.

Ed infine, arriviamo ai costi. La tessera costa 5 euro, ma vanno aggiunti al primo acquisto anche un minimo di 5 euro di ricarica. Ciò significa che, a meno che non si perda la tessera, tutte le altre volte che si va a ricaricare si inserisce solo l’importo necessario. La ricarica non ha costi aggiuntivi, ma va fatta sempre e solo in una delle dieci stazioni indicate sopra. Una volta prelevata la bicicletta, il costo è di cinquanta centesimi ogni mezz’ora che vengono scalati dal credito, e non si può tenere la bici per più di 24 ore consecutive. Per tutte le altre informazioni visitare il sito www.bikesharing.roma.it.

Foto: © Thinkstock

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

1 commenti

Rapporto Ecosistema urbano 2014: la classifica - M'informo 29 Ottobre 2014 - 09:06

[…] miglioramento della sostenibilità urbana, come hanno dimostrato i tanti progetti di car sharing e bike sharing, specialmente nelle grandi […]

Rispondi

Lascia un commento