Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / I green jobs funzionano, almeno in America

I green jobs funzionano, almeno in America

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

lavori verdi

I green jobs, ovvero gli impieghi nel settore ambientale, sono la chiave per uscire dalla crisi economica. Mentre in Italia migliaia di persone hanno trovato lavoro in questo settore, ma con la riduzione e la possibile eliminazione dei sussidi statali rischiano nuovamente di perderlo, in America si stanno stabilizzando e stanno letteralmente rilanciando l’economia. Secondo i dati di Environmental Entrepreneurs nel solo secondo trimestre dell’anno (aprile-luglio 2013) negli States si sono creati quasi 40 mila posti di lavoro green.

Per green jobs si intendono i lavori ad esempio nell’installazione delle energie rinnovabili, per l’efficienza energetica, nel trasporto pubblico pulito e così via. E ad osservare il quadro degli annunci di lavoro sembra che il settore sia ancora in crescita. Lo Stato che traina questa transizione è come sempre la California, quello che ha creduto più di tutti in un’economia verde, ma in generale i Paesi della costa Ovest e qualcuno dei centrali come l’Illinois sono quelli che si sono dimostrati più impegnati in questo affare. A sorpresa però il secondo Stato più attento all’ambiente dopo la California è quello delle Hawaii che da solo ha creato circa 5000 posti di lavoro in 3 mesi.

E non finisce qui. Per il terzo trimestre sono previsti ulteriori 60 progetti che creeranno lavoro per altre 38 mila persone. L’obiettivo da raggiungere è battere il record del 2012 di 110 mila green jobs creati in un solo anno. Ma dove si sono concentrati maggiormente gli investimenti? Per lo più si tratta del settore energetico, ed in particolare solare ed eolico che insieme hanno coperto circa la metà dei nuovi assunti. Il solare provvede da solo a coprire il 25% di tutti i posti di lavoro verdi. A seguire troviamo il trasporto pubblico e la smart grid, seguiti dai lavori per il miglioramento dell’efficienza energetica.

Tra i settori che registrano la maggiore crescita c’è la bioedilizia che supera i 140 milioni di dollari di fatturato all’anno. Cifre che fino a pochi anni fa sembravano impossibili, ma che fanno capire alle imprese edilizie da che parte tira il vento e dunque dove conviene investire in questo momento.

Fonte: Cleantechnica
Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments