Home / Ambiente / Energie rinnovabili / Capacità fotovoltaica installata nel mondo salirà a 500 GW nel 2019

Capacità fotovoltaica installata nel mondo salirà a 500 GW nel 2019

La capacità fotovoltaica installata nel mondo salirà a circa 500 GW entro il 2019. A sostenerlo è l’istituto di statistica IHS in un recente report sulle prospettive del fotovoltaico nei prossimi 5 anni. Secondo gli analisti, da qui al 2019 le nuove installazioni di impianti solari porteranno a un aumento della capacità fotovoltaica installata nel mondo di ben 498 gigawatts, pari a ben il 177% in più rispetto al 2014.

La domanda globale dovrebbe raggiungere i 75 GW nel 2019, pari al 66% in più rispetto al 2014. A trainare la richiesta di energia solare saranno soprattutto i mercati asiatici. Già lo scorso anno, da Cina e Giappone è pervenuta la metà della domanda globale.  Un quarto della richiesta è arrivato da Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania.

Come ha illustrato Susanne von Aichberger, analista di IHS specializzata nel settore solare, nei prossimi 5 anni ben 11 mercati globali supereranno di un gigawatt il livello medio della domanda annua, garantendo stabilità al mercato ed evitando bruschi crolli.

In molti Paesi, fa notare l’esperta, la fase degli incentivi si sta concludendo e l’integrazione del fotovoltaico nella rete elettrica sta seguendo politiche a lungo termine che garantiranno continuità alla crescita, evitando che si verifichi un aumento della capacità fotovoltaica installata repentino, seguito da un rapido declino come avvenuto negli anni scorsi.

Quali tecnologie per la nuova capacità fotovoltaica installata?

Nel suo report l’IHS ha analizzato anche i costi delle principali tecnologie solari, svelando che nei prossimi 5 anni i prezzi medi di vendita dei moduli c-Si a base di rame, indio e selenio si ridurranno del 27%, raggiungendo 0,45 dollari per watt. La produzione di fotovoltaico a film sottile subirà un calo dell’1%, attestandosi a quota 7%. Si tratta della percentuale più bassa registrata dal 2010, quando la carenza di moduli c-Si provocò un boom della tecnologia a film sottile che raggiunse una quota di produzione del 15%.

Nel 2019 la produzione di moduli fotovoltaici a film sottile resterà invariata ai livelli del 2015, attestandosi sul 7%. La produzione sarà trainata dal fotovoltaico al tellururo di cadmio, CdTe, e dal seleniuro di rame indio gallio, CIGS. Entro il 2019, la produzione annua di moduli fotovoltaici al silicio amorfo sarà di oltre la metà in meno rispetto ai livelli del 2014.

Potrebbe interessarti anche:

parco fotovoltaico in Giappone

Fotovoltaico: in Giappone foreste distrutte per far spazio a mega centrali

In Giappone verranno distrutti centinaia di ettari di foreste vergini per far posto alle mega centrali solari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.