Home / Ambiente / Vivere a basso impatto / Car sharing a Milano, come funziona il car2go

Car sharing a Milano, come funziona il car2go

car sharing milano

Inaugurato oggi il sistema di car sharing milanese soprannominato car2go. Si tratta di una collaborazione tra Daimler ed Europcar con il Comune di Milano per permettere ai cittadini e ai turisti di spostarsi liberamente in città a bordo di un’auto condivisa, che occupa poco spazio ed ha un impatto quasi nullo sull’ambiente grazie al sistema di risparmio di carburante e allo stop and go che permette al motore di spegnersi quando ci si ferma ai semafori e di riavviarsi quando si preme la frizione. L’auto condivisa sarà la Smart Fortwo, l’ultimo modello della piccola citycar tedesca che permetterà agli utenti di muoversi liberamente in città.

Il funzionamento è molto semplice. Basta registrarsi presso uno dei punti vendita per ricevere la Member Card, una sorta di carta di credito che funziona anche da chiave per l’apertura dell’auto. Per farla partire bisognerà digitare il proprio pin sul touchscreen. Per trovare un’auto basta fare una ricerca con prenotazione online attraverso il pc o tablet, tramite smartphone con l’applicazione car2go oppure semplicemente in uno dei punti di raccolta delle auto in città. Se si trova una vettura disponibile basta salire e l’auto sarà tua. La prenotazione può avvenire anche direttamente attraverso Google Maps.

Il punto di forza di questa iniziativa è senza dubbio il risparmio. Chiunque abbia guidato in città a Milano si è reso conto di quanto stia diventando snervante farlo. Tra ztl e parcheggi esorbitanti infatti, è preferibile lasciare l’auto a casa. Con le auto di car2go invece si avrà accesso all’Area C e a tutte le altre in cui normalmente si entra pagando o non si può accedere se non si è residenti, tutto gratuitamente. Sono gratis anche i parcheggi a striscia blu e persino il carburante. Inoltre non si paga tutto il tempo che una persona noleggia l’auto, ma solo quando la si usa realmente.

Ma quanto costa? Dopo il costo per la registrazione di 19 euro, si possono pagare i minuti di guida e/o sosta a 29 centesimi l’uno, oppure scegliere una tariffa oraria che però prevede una percorrenza massima di 50 km a 14,90 euro l’ora, con un costo di 29 centesimi a km dopo i 50 previsti, oppure una tariffa giornaliera che è di 59 euro. Inoltre, in caso di emergenza, attraverso il touchscreen si può contattare il numero verde schiacciando un pulsante, ed il servizio è gratuito. Infine, una volta terminato l’utilizzo del mezzo, non si è costretti a riportarlo dove è stato preso, ma lo si può lasciare in qualunque parcheggio della città e persino sui posti a striscia gialla riservati ai residenti. Ovviamente non in divieto di sosta o nei posti per disabili. Attualmente sono già disponibili 150 auto in città, ma entro la fine di settembre il numero dovrebbe triplicare.

Foto e fonte: car2go

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbe interessarti anche:

bikemi bambini

BikeMi: come funziona il servizio per i bambini

Partito in via sperimentale il Junior Bike Sharing a Milano.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.