Home / Sport / Calcio / Cagliari, mercato e obiettivi stagione 2013-2014

Cagliari, mercato e obiettivi stagione 2013-2014

presentazione cagliari

Il Cagliari della stagione 2013-2014 sarà quasi identico a quello della stagione 2012-2013, che a sua volta era molto simile a quello del 2011-2012. Cellino non è molto intenzionato a cambiare il modo di far giocare i suoi, ed anche se molti dei suoi ragazzi sono richiesti ad alti livelli, come Nainggolan, Astori o Ibarbo, sembra preferire tenerli in Sardegna piuttosto che incassare un bel gruzzoletto e andare alla ricerca di altri talenti come fanno altri piccoli club.

Questa strategia da un certo punto di vista fa onore al patron cagliaritano che non si piega alla forza dei grandi club, ma d’altra parte non permette nemmeno alla sua squadra di crescere, visto che in sostanza quest’anno si può registrare, almeno fino ad ora, un solo acquisto, quello di Oikonomou, difensore greco che crediamo difficile sia pure titolare. Tra le partenze di un certo peso va annoverato solo Thiago Ribeiro, ma è sicuramente un bene visto che di certo nessuno si strapperà i capelli per averlo perso.

L’allenatore che ha preso in mano la squadra lo scorso anno e l’ha portata ad una salvezza tranquilla, Ivo Pulga, è stato confermato, e così avendo per le mani praticamente la stessa squadra, è chiamato a ripercorrere il suo cammino trionfale del girone di ritorno. Ipotizzare una formazione non è difficile visto che praticamente sarà la stessa dello scorso campionato: Agazzi in porta, Rossettini, Astori, Perico e Pisano in difesa, Ekdal, Nainggolan, Conti e Cossu a centrocampo e Sau e Ibarbo in attacco. La panchina è corta, ma ci sono buoni giocatori come Pinilla, Dessena, Avelar e Ariaudo, e non disputando le coppe va bene così.

Il più grande cruccio della società però resta lo stadio. Nella prossima stagione, stando alle ultime notizie, potrebbe riprendere a giocare al Sant’Elia, ma si sa che dietro l’angolo ci sono sempre un sacco di insidie, e quindi non si può dirlo con certezza. La mancanza di uno stadio di casa ha inciso negativamente sulla squadra nello scorso campionato, ma se quest’anno dovesse riprendere a giocare a Cagliari, e la squadra dovesse rimanere questa, siamo sicuri che il club potrà attestarsi a metà classifica sin dall’inizio e non smuoversi più da lì. Molto potrebbe invece cambiare se uno o più dei pezzi pregiati della società venissero venduti negli ultimi giorni di mercato. Posizionamento finale previsto: tra il 9° e il 13° posto.

Foto: Cagliari su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

ranking uefa

Ranking UEFA 2017: l’Italia punta al secondo posto

Il ranking UEFA aggiornato alla fine del 2017 sorride all'Italia, mai così in alto da 10 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.