Home / Ambiente / Energie rinnovabili / Solare fotovoltaico, entro il 2014 raggiungerà i 45 GW nel mondo

Solare fotovoltaico, entro il 2014 raggiungerà i 45 GW nel mondo

previsioni solare fotovoltaico 2014

Il solare fotovoltaico nel mondo galoppa, e non c’è crisi che tenga. Che sia per merito dei Paesi europei, degli Stati Uniti o di quelli asiatici, le installazioni fotovoltaiche sul pianeta continuano ad aumentare ad un ritmo che non si può replicare in nessun altro settore. È difficile, quasi impossibile, vedere un comparto dell’economia che raddoppia il suo indice anno per anno, ma è quello che sta avvenendo con questa forma energetica, tanto che per il prossimo anno si calcola che la produzione mondiale di energia fotovoltaica possa raggiungere i 45 GW.

Guardando i numeri di oggi questa previsione sembra persino pessimista. In occasione della conferenza Intersolar a San Francisco di questa settimana la Deutsche Bank ha presentato una relazione sulla domanda fotovoltaica in tutti i principali mercati. Ne è risultato che Giappone, Stati Uniti, India e Cina stanno imprimendo una forte accelerazione allo sviluppo del settore, ma non sono gli unici. Esistono altri mercati emergenti, come quello cileno o mediorientale, che possono contribuire in maniera maggiore del previsto.

Ad inizio 2013 la capacità installata nel mondo era di poco più di 15 GW di energia fotovoltaica, e le previsioni parlavano di un aumento di 20 GW. Ma già dopo marzo si è capito che le previsioni erano al ribasso dato che si erano toccati i 31 GW. Al momento dovremmo essere sui 35, e la previsione per la fine dell’anno dovrebbe raggiungere i 38-40 GW installati. Le previsioni del prossimo anno saranno meno ottimistiche di quelle di quest’anno perché verrà a mancare il supporto europeo visto che i mercati forti (Germania, Italia, Spagna e Regno Unito) si vanno stabilizzando. Ma la propulsione dovrebbe arrivare proprio da quelli emergenti che, secondo le previsioni della Deutsche, dovrebbero aggiungere almeno altri 5-7 GW di potenza.

La crescita maggiore arriverà dalla coppia Cina-Giappone che nel 2010 rappresentava il 10% della domanda ed in questa seconda metà del 2013 raggiunge il 45%, mentre per quanto riguarda i settori di applicazione, la spinta arriverà dalle attività commerciali dato che l’installazione sui tetti scenderà ad appena il 20% del totale. Infine, dicono gli analisti, una spinta ulteriore arriverà dall’incremento del prezzo dell’energia prodotta con i pannelli fotovoltaici che, aumentando del 10%, renderanno ulteriormente conveniente effettuare le installazioni.

Fonte: Cleantechnica
Foto: © Thinkstock

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbe interessarti anche:

costi rinnovabili

Rinnovabili: declino costi fossili non fermerà crescita

Cala il prezzo dell'energia, sia rinnovabile che fossile, e così gli sforzi di abbattere le emissioni rischiano di essere inutili.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments