Home / Ambiente / Inquinamento / Gli insetticidi causano cambiamenti genetici nelle api

Gli insetticidi causano cambiamenti genetici nelle api

api neonicotinoidi pesticidi cambiamenti genetici

Gli insetticidi causano cambiamenti genetici nelle api. A rivelarlo è un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica PLoS ONE, a firma dei ricercatori della University of Nottingham. Le scoperte degli autori supportano la decisione della Commissione Europea di mettere temporaneamente al bando tre neonicotinoidi collegati alla moria delle api. Se è sempre più evidente un legame tra il declino della popolazione di api che impollina un terzo del cibo che mangiamo, e gli insetticidi, questo è il primo studio completo e specifico a osservare i cambiamenti nell’attività dei geni delle api in relazione ad uno dei neonicotinoidi appena banditi, temporaneamente, dall’UE: l’imidacloprid.

L’analisi è stata condotta simulando molto realisticamente le condizioni ambientali in campo aperto. Secondo quanto scoperto dal team del dottor  Reinhard Stöger, docente di epigenetica alla University’s School of Biosciences, esiste una relazione tra le attività di alcuni dei geni delle api e l’esposizione all’imidacloprid, anche quando quest’esposizione avviene a livelli molto bassi. Si parla, nello specifico, di appena due parti per miliardo, già sufficienti a scatenare delle modifiche genetiche.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule delle larve delle api hanno dovuto lavorare di più e aumentare l’attività dei geni coinvolti nella degradazione delle sostanze tossiche, molto probabilmente per far fronte all’insetticida. Nel processo venivano coinvolti i geni implicati nella regolazione dei livelli di energia necessari a far funzionare le cellule. Questi cambiamenti sono noti ridurre la durata della vita degli insetti più studiati, come il comune moscerino della frutta, abbassando le probabilità di una larva di sopravvivere fino all’età adulta. Come ha spiegato il professor Stöger:

Anche se le larve possono ancora crescere e svilupparsi in presenza dell’imidacloprid, la stabilità del processo evolutivo viene compromessa. Se le api contaminate dovessero subire sollecitazioni aggiuntive come invasione di parassiti, malattie e danni del cattivo tempo, il tasso di fallimento dello sviluppo aumenterebbe.

Lo studio è stato finanziato dal Co-operative Group, nell’ambito della campagna Plan Bee.

Fonte: Insecticide causes changes in honeybee genes, research finds – Alpha Galileo via University of Nottingham
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

città più inquinate al mondo

Le città più inquinate al mondo nel 2015 sono in Asia

Clamorosamente le città più inquinate sono in Asia...ma non in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.