Home / Salute / Alimentazione / Aglio, le vere proprietà e i falsi miti

Aglio, le vere proprietà e i falsi miti

proprietà aglio

Quando si parla di aglio è difficile distinguere le vere proprietà dai falsi miti che circondano da secoli questa pianta. Dell’aglio si è infatti detto di tutto: che allontana i vampiri, che è afrodisiaco, che è una valida medicina, che abbassa il colesterolo e la pressione arteriosa alta, che aiuta a prevenire il cancro.  Oggi cercheremo di capire quali proprietà dell’aglio sono state confermate da validi studi scientifici, concentrandoci sui veri e sui presunti o non ancora dimostrati benefici per la salute. Partiamo dalle proprietà anticolesterolo. Nel 2009, una meta analisi di 29 studi che includevano complessivamente 1.794 partecipanti, condotta sull’effettiva capacità dell’aglio di abbassare i livelli di colesterolo cattivo, ha rivelato che l’aglio, in particolare quello in polvere, provoca una modesta riduzione dei livelli di colesterolo totale.

Per ridurre la pressione arteriosa alta, invece, sarebbe necessario assumere 200 milligrammi di aglio in polvere tre volte al giorno ma, secondo lo studio del 2012 che ha riesaminato la letteratura scientifica sull’argomento, non ci sono ancora abbastanza prove della sua efficacia nel ridurre la mortalità dovuta all’ipertensione. Lo stesso vale per la capacità di prevenire e curare il raffreddore. Una meta analisi del 2012 ha reputato infatti insufficienti e parziali i dati degli studi che gavevano attribuito all’aglio proprietà antinfluenzali.

aglio odore cucinaPer quanto riguarda le proprietà anticancro, uno studio del World Cancer Research Fund che risale al 2007, ha concluso che probabilmente l’aglio protegge dal tumore all’intestino e allo stomaco. Più di recente, nel 2009, i ricercatori hanno concluso che non c’è alcuna prova credibile che l’aglio protegga dal cancro allo stomaco, alla mammella, ai polmoni e all’utero, ma che esiste un’evidenza molto limitata che mangiare aglio può ridurre il rischio di cancro al colon, alla prostata, al cavo orale, all’ovaio e alle cellule renali.

Secondo la dietista Alison Hornby, portavoce della British Dietetic Association, l’aglio resta comunque un delizioso sapore a cui non rinunciare, ampiamente utilizzato nella cucina mediterranea e asiatica. L’aglio contiene vitamina C, vitamina B6, manganese, selenio e altri antiossidanti, in particolare l’allicina.

Gli studi in cui sono state utilizzate alte concentrazioni di estratti di aglio, spiega l’esperta, hanno rivelato una migliore circolazione sanguigna, livelli di colesterolo più sani e la pressione sanguigna più bassa, tutti fattori che riducono il rischio di malattie cardiovascolari. Tuttavia, i dati attuali a disposizione non supportano l’utilizzo di integratori a base di aglio per migliorare la salute.

L’aglio, tuttavia, è particolarmente utile in cucina in quanto fornisce una alternativa al sale e aggiunge sapore ai pasti, insieme al succo di limone, al peperoncino e ad altre erbe aromatiche e spezie. Consumare meno sale è importante per scongiurare la pressione alta che mette a rischio il cuore.

Fonte: Is garlic a superfood? – NHS Choices
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

dieta per l'ipotiroidismo

Dieta per l’ipotiroidismo e la tiroidite: i menù d’esempio per i 4 biotipi

Soffri di ipotiroidismo o tiroidite? Ecco i consigli dell'endrocrinologa per curare il disturbo della tiroide anche a tavola.

un commento

  1. Forze non e stato aggiunto che si deve masticare per un effetto positivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.