Home / Videogiochi / Console più costose della storia, le ultime generazioni sono più economiche

Console più costose della storia, le ultime generazioni sono più economiche

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

console più costose della storia

Tra pochi mesi accoglieremo in tutto il mondo le famose console next-gen, vale a dire PlayStation 4 e Xbox One che saranno solo le ultime nate da una lunga tradizione di dispositivi di gioco domestici nati negli anni ’70 e che chissà ancora per quanto dureranno. I prezzi rispettivamente saranno di 399 e 499 dollari, listini che in un periodo di crisi economica ci sembrano elevati ma non troppo. A dirla tutta, se confrontati con i prezzi delle vecchie console, pare proprio che siano economici.

Il sito ArsTechnica ha deciso di mettere a confronto tutti i prezzi di lancio dalla prima console, l’Atari 2600 uscita nel lontano 1977, fino alle due appena citate. È normale che un dispositivo uscito negli anni ’70 aveva un costo che oggi ci farebbe sorridere, 200 dollari, ma confrontato con l’economia di allora e aggiornato a quanto valevano i 200 dollari dell’epoca con l’inflazione di oggi, i dati cambiano decisamente. Cambiano talmente tanto che si scopre che una delle console più economiche della storia è proprio la PlayStation 4 che con i suoi 399 dollari non ha un prezzo esagerato.

Non è però la più economica. Stando ai dati di ArsTechnica (foto sopra) la Wii ad esempio costava di meno, anche se la console più economica di tutte fu il Gamecube, uscito nel 2001 al costo di 200 dollari che, rapportati all’inflazione odierna, non supererebbero i 264. Il basso prezzo e la tecnologia rivoluzionaria fecero del Gamecube un successo, superato solo negli anni successivi, oltre che dai mostri sacri come PlayStation 2. I suoi 21 milioni di dispositivi venduti in tutto il mondo però dimostrano che non andò affatto male. Tra le console meno costose spiccano il Dreamcast della SEGA, il Nintendo 64, la Wii e l’Atari 7800 che partì con il prezzo più basso della storia, 150 dollari nel 1984, e che oggi costerebbe poco più del doppio.

E le più costose? A far spiccare un balzo nel grafico è il 3DO, realizzato da Panasonic ed LG nel 1993 e capace di lanciare alcuni dei franchise noti ancora oggi come Wolfstein, Doom e Alone in the Dark. Nonostante questo però, molto probabilmente a causa del prezzo eccessivo, la 3DO risulta essere oggi una delle console che ha venduto di meno nella storia. All’epoca fu criticata per avere un prezzo “astronomico”, ed infatti uscì sul mercato a 700 dollari, prezzo che pure oggi risulterebbe eccessivo, tanto che aggiornato all’inflazione odierna è come se una console esordisse a 1.127 dollari. Probabilmente non la comprerebbe nessuno. Stesso discorso anche per la seconda in classifica, la Neo Geo, che oggi costerebbe 1.111 dollari.

In epoca recente infine, la console più costosa risulta essere la PlayStation 3 che, uscita a 600 dollari oggi ne costerebbe quasi 700, mentre la più conveniente è la Wii che se uscisse nel 2013 costerebbe appena 290 dollari.

Foto: ArsTechnica

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments