Home / Videogiochi / FIFA 14 vs PES 2014, analisi dei gameplay

FIFA 14 vs PES 2014, analisi dei gameplay

confronto fifa-pes 14

Sia FIFA 14 che PES 2014 sono ancora in fase di sviluppo ed i gameplay mostrati in questi ultimi giorni sono tutt’altro che definitivi. Nonostante questo si può già cominciare a tirare qualche conclusione. Dopo i trailer e le presentazioni abbiamo atteso le prime immagini in-game per poter dare dei giudizi, e così in questa prima fase possiamo cominciare a farci un’idea sui progressi di entrambi i titoli per quella che sarà l’ultima sfida sulle console di vecchia generazione.

Cominciamo dal primo impatto, la grafica. Già lo scorso anno le texture di PES erano migliori, e come abbiamo ribadito più volte, questo era l’unico aspetto su cui il titolo Konami poteva prevalere sull’avversario. Anche quest’anno, la palma della miglior grafica va certamente a PES. Se le cose dovessero rimanere così, mentre FIFA cambia poco, quasi nulla, dal punto di vista dei modelli dei giocatori, ripresi sempre eccessivamente da lontano in una visuale che per mostrare al meglio il campo sacrifica un po’ l’estetica, ancora una volta PES riesce a conciliare le due cose, rendendo più nitidi i modelli dei calciatori, e molto più caratterizzati. Mentre su FIFA, ad esclusione di Messi e pochi altri, i calciatori si assomigliano un po’ tutti, fisicamente parlando, su PES si riescono a percepire quelle piccole caratteristiche che distinguono ogni persona.

Anche quest’anno però c’è il rischio che la grafica sia l’unico punto di forza di Konami. Il nuovo motore grafico, l’ormai famoso Fox Engine, non è per ora stato mostrato in tutta la sua potenza. O almeno così speriamo. La velocità di gioco è molto scarsa, e nelle animazioni la prima demo di FIFA sembra essere ancora superiore. Partiamo dai movimenti. I calciatori di PES sembra che la sera prima abbiano mangiato la peperonata perché sembrano fin troppo pesanti, quasi attratti magneticamente dal terreno, mentre quelli di FIFA librano molto più leggeri e rendono più credibili alcune finezze come il doppio passo e i dribbling. Anche la velocità di gioco sembra essere migliorata. FIFA 13 aveva il problema dell’eccessiva velocità, la quale sembra essere stata moderata a dovere in questa demo (non esultiamo però, anche la demo dello scorso anno aveva una buona velocità ed il gioco definitivo invece era pessimo da questo punto di vista). In PES invece le ripartenze sono lente, quando un calciatore riceve il pallone ci mette una vita a girarsi, le sovrapposizioni sono scarse e così addio contropiedi emozionanti.

Anche dal punto di vista dell’intelligenza artificiale, sembra che FIFA sia un passo in avanti. I calciato si infilano alla perfezione nei varchi lasciati dagli avversari, le sovrapposizioni sono ben fatte ed i calciatori in campo reagiscono come ci si aspetterebbe dalle loro controparti reali. La fotografia della IA di PES è quello che avviene al minuto numero 6:48 del video che trovate sotto, quando cioè un calciatore che si stava sovrapponendo vede una palla vagante, frutto di un contrasto, e la ignora continuando a correre senza motivo. Bisogna però ammettere che la giocabilità rispetto all’anno scorso è migliorata. Le finte ed i movimenti dei singoli calciatori sono più realistici, e almeno da questo punto di vista chi ha giocato al titolo dello scorso anno non rimarrà deluso.

Infine, per quanto riguarda le informazioni di contorno, promuoviamo FIFA che ha per esempio reintrodotto i video delle esultanze che lo scorso anno erano inspiegabilmente scomparsi, mentre PES viene rimandato per i nomi sulle teste dei calciatori che si potevano risparmiare, mentre di positivo c’è che il pubblico non è più una massa informe ma almeno le persone si distinguono, e la fastidiosa freccetta per i passaggi mostrata nel primo trailer sembra essere stata eliminata. Entrambe le case sviluppatrici apporteranno altre modifiche nei prossimi mesi, anche se non c’è ancora tantissimo da lavorare considerando che dovrebbero uscire entrambi a settembre. Nelle prossime settimane attendiamo sviluppi per dare un giudizio definitivo, anche se al momento sembra essere ancora una volta in vantaggio FIFA 14. Di seguito i video dei due gameplay.

FIFA 14

PES 2014

Potrebbe interessarti anche:

Remothered: Tormented Fathers

Remothered: Tormented Fathers – recensione dell’indie horror italiano

Un survival horror come ce ne sono pochi in giro: la nostra prova su PlayStation 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.