Home / Salute / Medicina / Fecondazione in vitro si può fare in Italia? Info e costi

Fecondazione in vitro si può fare in Italia? Info e costi

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

fecondazione in vitro

Migliaia di coppie in Italia non riescono ad avere figli. Oggi la scienza ci viene incontro con numerose tecniche che favoriscono il concepimento. Tra di esse c’è la fecondazione in vitro. Si tratta di una tecnica perfettamente legale che si effettua in laboratorio. La fecondazione in vitro prevede l’inserimento dello spermatozoo del padre nell’ovulo della madre “in vitro”, cioè con una tecnica di laboratorio. Dopo che l’unione è avvenuta, il pre-embrione viene trasferito nell’utero materno per dare il via alla gravidanza.

La fecondazione in vitro è stata una delle prime tecniche di procreazione assistita mai realizzate perché non prevede processi particolarmente complessi. È quasi un “aiuto” per far incontrare spermatozoi e ovulo. Ma quando bisogna ricorrere a questo genere di procreazione? E si può fare in Italia?

Le modalità di accesso alla fecondazione in vitro

Alla fecondazione in vitro possono accedere tutte le coppie quando, dopo mesi di tentativi, non riescono a concepire un figlio. Se la coppia ha rapporti sessuali regolari non protetti e dopo un anno non arriva la lieta notizia, è consigliabile effettuare i primi controlli medici. Può essere lo specialista a consigliare una tecnica di procreazione assistita, o la coppia stessa a rivolgersi autonomamente ad una clinica specializzata.

Solitamente è consigliabile effettuare alcuni esami medici prima di rivolgersi alla clinica per capire se ci sono problemi di altra natura. Quando ci si rivolge alla clinica per la fecondazione assistita bisogna infatti fornire i risultati degli esami fatti in precedenza (studio ormonale, ecografia, seminogramma, ecc.). Possono accedere alla fecondazione in vitro anche donne single o donne omosessuali. In questo caso si parla di fecondazione eterologa in quanto lo spermatozoo arriva da un donatore esterno. In alcuni casi è possibile che sia lo spermatozoo che l’ovulo derivino da donatori. Le percentuali di successo sono molto elevate. Solitamente si parla di un tasso di successo di oltre il 90%. Per esempio la clinica italiana per la fecondazione in vitro IVI dichiara un indice di concepimento cumulativo con 3 tentativi del 97%.

La fecondazione in vitro si può fare in Italia? E quanto costa?

La fecondazione in vitro è legale in Italia e in gran parte del resto del mondo. Nel nostro Paese è ammessa da decenni anche se la legge 40 del 2004 ne limita un po’ il raggio d’azione. La fecondazione eterologa invece è permessa in Italia soltanto da circa tre anni. Sono numerose le cliniche specializzate che in Italia effettuano la fecondazione in vitro. Secondo il registro nazionale sulla fecondazione assistita sono circa 300. Ognuna ha diversi costi e tempi di attesa (a volte piuttosto lunghi), e può offrire servizi personalizzati. Per quanto riguarda i prezzi, per un trattamento completo la cifra si aggira intorno ai 5000 euro, ma i prezzi possono variare di molto in base al trattamento. Secondo quanto riferito da un recente report de La Stampa, il trattamento per l’omologa (fecondazione in vitro tra partner) costa a partire da 2000 euro, quello per l’eterologa parte da 4000 euro, ma a volte si può arrivare a pagare anche 10 mila euro. È bene sapere che alcune Regioni coprono in parte o completamente le spese.

Foto: Freeimages

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.