Home / Ambiente / Viaggi / Documenti smarriti all’estero: cosa fare?

Documenti smarriti all’estero: cosa fare?

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

documenti smarriti all'estero

Le vacanze estive si avvicinano e milioni di italiani lasceranno le proprie città per qualche giorno di ferie. In molti si recheranno all’estero dove l’attenzione al proprio comportamento dovrà essere doppia. Non soltanto, infatti, sarà importante conoscere quali documenti avere prima di partire, ma anche cosa fare nell’eventualità in cui i documenti vengano persi. I documenti smarriti all’estero possono essere una gran bella seccatura, ma niente paura, c’è una procedura da seguire. Importante attenersi alle linee guida emanate dal Ministero degli Esteri per evitare guai con la legge locale.

Documenti smarriti all’estero: cosa prevede la legge

L’ultimo aggiornamento della legge in merito ai documenti smarriti all’estero risale al 2011 e comprende anche il caso di furto dei documenti. Nell’eventualità dovesse capitare questa disavventura, la prima cosa da fare è presentare una denuncia presso la polizia e poi rivolgersi al Consolato italiano del Paese in cui vi trovate. L’Ambasciata provvederà, a seconda delle tempistiche necessarie, a rilasciare un nuovo passaporto, oppure se c’è poco tempo può rilasciare l’ETD, o Emergency Travel Document. Si tratta di un documento di viaggio provvisorio che sostituisce temporaneamente il passaporto. L’ETD può essere utilizzato soltanto una volta per rientrare in Italia. Una volta rientrati in Italia ovviamente l’ETD scade e il passaporto va rifatto. In casi eccezionali tale documento può essere rilasciato anche per viaggiare verso un altro Paese, ma non è molto frequente.

L’ETD, o il nuovo passaporto, verranno rilasciati in presenza del verbale di denuncia presso le autorità locali. Bisogna presentare anche due fototessere nel formato 35×40 uguali, frontali e a colori, e la ricevuta del pagamento di 1,55 euro. Inoltre bisogna portare con sé l’eventuale biglietto di ritorno per facilitare il rilascio del documento. È possibile anche farsi spedire il nuovo documento se alloggiate in un posto lontano dall’Ambasciata, ma le spese di spedizione saranno a vostro carico.

Uno dei consigli che possiamo darvi è, quando vi spostate da turisti in una città, di non portare con voi tutti i vostri documenti. Per esempio se siete in un Paese comunitario potete circolare con la carta d’identità in tasca, ma lasciando il passaporto in albergo; se siete in un Paese extracomunitario potete fare il contrario. In alternativa potreste anche lasciare in un luogo sicuro la patente o qualche altro documento “di riserva” da mostrare alle autorità. Per una maggiore sicurezza è anche consigliabile fotocopiare i documenti e tenere la copia nel luogo in cui alloggiate. Lo stesso dicasi per la carta di credito.

Foto: Pixabay

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.